Spettegolare fa bene

di Elena Botta Commenta

Alti livelli di pettegolezzo sono associati a grandi sentimenti di tolleranza

fiducia

Spettegolare fa bene,questo è ciò che è emerso da un nuovo studio inglese.
Le persone che chiacchierano ( soprattutto lodando gli altri ) si sentono meglio e migliorano l’autostima questo secondo i ricercatori dell’università dello Staffordshire in Gran Bretagna.



Nello studio, Jennifer Cole e Hannah Scrivener hanno visonato i responsi di 160 persone che hanno completato dei questionari che chiedevano loro quali fossero le loro tendenze al gossip, sulla loro autostima e se ritenessero la loro vita sociale soddisfacente.

Alti livelli di pettegolezzo sono associati a grandi sentimenti di tolleranza ma non sono collegati all’autostima o alla propria soddisfazione personale.
Successivamente i ricercatori hanno chiesto a 140 partecipanti al test di parlare prima positivamente poi negativamente di una persona immaginaria; quelli che hanno parlato positivamente hanno aumentato la propria autostima, molto di più rispetto a coloro i quali hanno parlato negativamente.

” Spettegolare viene considerata un’ azione estremamente negativa. I nostri risultati invece fanno pensare che alcune forme di pettegolezzo, in particolar modo quando le persone tendono a lodarne altre, possono essere molto utili e fare bene nonostante le persone che spettegolano non ne siano molto convinte.”
Sicuramente il parlare bene degli altri fa provare un senso di soddisfazione e benessere e soprattutto un paragone positivo può essere anche un incentivo ad automigliorarsi, avendo appunto modelli che secondo noi sono positivi.
Anche perchè sicuramente trovare il buono che c’è nelle persone aiuta non solo l’autostima ma annulla in gran parte l’aggressività e il pregiudizio combattendo la depressione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>