Lo stress influisce su qualità e durata del sonno tra i giovani

di Luca Bruno 1

Secondo alcuni ricercatori americani che hanno pubblicato il loro studio su Journal of Adolescent Health, lo stress per l'andamento scolastico e per la propria vita influisce sulle ore di sonno negli studenti molto di più di quello che si pensi.

students

Secondo alcuni ricercatori americani che hanno pubblicato il loro studio su Journal of Adolescent Health, lo stress per l’andamento scolastico e per la propria vita influisce sulle ore di sonno negli studenti molto di più di quello che si pensi, e che tale fattore risulta influire sulla qualità del sonno in maniera più decisiva che non l’uso di caffeina, alcool, o l’abitudine ad utilizzare dispositivi elettronici (computer e tv) fino a tardi nella notte.

Il 68% degli studenti restano svegli di notte, e nel 20% di casi ciò avviene almeno una volta alla settimana.
Più del 60% degli studenti, secondo i dati analizzati dai ricercatori, risultano avere un decorso del sonno disturbato, e molti ricorrono a droghe ed alcool per contrastare lo stress ed i disturbi del sonno.

Lo studio, che ha preso in esame le abitudini del sonno di 1.125 studenti, rileva che solo il 30% dorme le normali 8 ore, l’intervallo di tempo considerato salutare per un buon recupero psico-fisico.

Gli studenti, secondo i ricercatori dell’University of St. Thomas, sembrano sottovalutare l’importanza del sonno nella loro vita quotidiana e rinunciano a dormire se sottoposti a stress ma ciò è altamente deleterio per la loro salute, sia fisica che mentale.

Tra gli effetti più comuni l’indebolimento del sistema immunitario, l’insorgenza di problemi cardiovascolari e l’aumento del peso corporeo.

Commentando i risultati dello studio lo psicologo Daniel Taylor, assistente professore di psicologia all’University of North Texas, sostiene che i disturbi del sonno potrebbero avere un ruolo di notevole importanza nell’abuso di sostanze stupefacenti ed alcool, nelle psicopatologie, nello scarso rendimento nello studio e nelle percentuali di abbandono scolastico.

Preoccupante per i ricercatori è stata la tendenza di molti studenti ad usare alcool e droghe per regolare il sonno.

Chi dorme poco risulta avere una tendenza maggiore all’uso di ai farmaci, sia che essi siano utilizzati per dormire o per rimanere svegli, ed il doppio delle probabilità di assumere alcool.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>