Bambini obesi vittime del bullismo

di Luca Bruno Commenta

Secondo una ricerca statunitense i bambini obesi sono vittime dei bulli più di frequente dei loro coetanei di peso normale.

I bambini obesi hanno già di per se una serie di problemi non indifferenti nel campo della salute, come un rischio maggiore di contrarre malattie gravi come il diabete di tipo 2 o condizioni pericolose come il colesterolo alto e la pressione alta. A questi, secondo un recente studio di ricercatori dell’Università del Michigan, si deve purtroppo aggiungere anche il fatto di essere target favoriti dei bulli.

Il Los Angeles Times, che riporta la notizia, sostiene che questo aspetto non è certo nuovo alla ricerca medica.

Uno studio recente aveva infatti evidenziato come il “mobbing” nei confronti dei coetanei in sovrappeso può provocare rischi e disagi nello sviluppo sociale e psicologico dei bambini, mentre un altro studio aveva avanzato l’ipotesi che il bullismo contro i ragazzi in sovrappeso potesse spiegare il perchè di una maggior assenteismo scolastico.

La nuova ricerca si è basata su un sondaggio eseguito tra 821 bambini statunitensi monitorati all’interno dello Study of Early Child Care and Youth Development e per la quale i dati rilevati sono stati in particolare episodi di bullismo segnalati dai bambini, dai genitori o dagli insegnanti.

I ricercatori hanno scoperto che i bambini obesi hanno il 63% di probabilità in più di essere vittime del bullismo nelle classi superiori della scuola primaria.

Un rischio maggiore, secondo i ricercatori, di quello cui sono vittima le bambine.

I risultati, pubblicati sulla rivista Pediatrics, evidenziano come, in una nazione come gli Stati Uniti, in cui il tasso di obesità infantile è in forte crescita, coinvolgendo circa il 17% dei bambini tra i 6 ed i 10 anni, il fenomeno del bullismo potrebbe quindi aumentare ancora di più di quanto oggi già accade.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>