Negli stati d’ansia il cervello elabora le emozioni in maniera anomala

di Luca Bruno Commenta

In coloro che sono affetti da una malattia mentale comune e diffusa, denominata disturbo d'ansia generalizzato, il cervello elabora le emozioni in un modo diverso ed anomalo.

ansia

Un nuovo studio, pubblicato su American Journal of Psychiatry e condotto da esperti di psichiatria e scienze comportamentali presso la Stanford University, suggerisce che in coloro che sono affetti da una malattia mentale comune e diffusa, denominata disturbo d’ansia generalizzato, il cervello elabora le emozioni in un modo diverso ed anomalo rispetto a quanto avviene nelle persone sane.

Secondo gli autori della ricerca tale scoperta potrebbe in futuro essere di aiuto nell’elaborare strategie terapeutiche e trattamenti migliorati per combattere il male, soprattutto in coloro per i quali gli stati ansiosi risultano essere debilitanti.

I pazienti che sperimentano alti livelli di ansia e preoccupazione, spiegano i ricercatori, rispondono agli stimoli emotivi in maniera negativa, fino ad oggi però non è ancora mai stato chiaro il perchè ciò accade.

Per effettuare la ricerca gli scienziati hanno sottoposto a risonanza magnetica il cervello di 17 persone affette dal disturbo, comparando i risultati con quelli ottenuti su 24 persone sane.

Gli autori dello studio hanno rilevato che nei partecipanti il cervello ha reagito in modo diverso in alcune situazioni. Secondo quanto è possibile riscontrare dai risultati la corteccia prefrontale sembra essere anormale nelle persone che soffrono di disturbo d’ansia generalizzato.

Un dato che potrebbe essere di aiuto non solo per comprendere le ragioni biologiche del disturbo ansioso, ma anche come il cervello risponde a determinati trattamenti terapeutici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>