Insonnia curata via web

di Luca Bruno Commenta

Nel prossimo futuro sarà possibile sottoporsi via web ad una terapia che sembra essere molto promettente per ridurre l'insonnia.

sonno1

Le persone che soffrono di insonnia spesso utilizzano internet per tutta la notte. E proprio attraverso il web, nel prossimo futuro, sarà possibile sottoporsi ad una terapia che sembra essere molto promettente per ridurre l’insonnia.

Tradizionalmente la cura dell’insonnia è basata sia sulla somministrazione di farmaci sia su una terapia cognitivo comportamentale personalizzata. Quest’ultima si è dimostrata particolarmente efficace soprattutto perchè elimina i problemi legati all’uso dei farmaci.

Proprio su tale tecnica terapeutica è basato il software prodotto grazie al lavoro di un’equipe medica dell’ University of Virginia Health System, a cui è stato dato il nome di SHUTi, acronimo per Sleep Healthy Using the Internet.

Il software effettua la sua cura attraverso internet, modulando l’intervento senza alcun apporto terapeutico umano, attraverso l’utilizzo di storie, quiz e giochi, e differenziandosi in base ai report giornalieri che il paziente inserisce, agendo sui pensieri e l’emotività che non permettono all’insonne di riuscire a dormire.

Lo studio, pubblicato in Archives of General Psychiatry, illustra una ricerca realizzata su 44 persone affetti da insonnia moderata, 22 dei quali, in maniera casuale, sono stati sottoposti alla sperimentazione del software.

Il gruppo che ha provato il software ha riscontrato un miglioramento nel numero di minuti di sonno in più ed una minore frequenza di risvegli durante il sonno, rispetto al gruppo di controllo.
Il miglioramento è risultato inoltre stabile anche dopo un controllo eseguito a distanza di sei mesi.

Naturalmente la cura attraverso il software è meno efficace di una terapia “faccia a faccia” con un esperto, ma, se la sperimentazione futura dovesse dare ulteriori risultati positivi, la terapia attraverso la rete potrebbe essere valida in quei casi in cui non si può ricorrere all’aiuto di un terapeuta, utile per esempio per chi abita in luoghi isolati, oppure quando non si può o non si vuole ricorrere ai farmaci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>