Influenza A, gli animali domestici sono a rischio di contrarre il virus?

di Luca Bruno 1

Sono gli animali domestici a rischio di contrarre il virus? Gli animali contagiati possono a loro volta infettare nuovamente l'uomo?

gatto

Con la recente notizia che un animale domestico, un gatto, era stato colpito dall’influenza A trasmessagli dall’uomo, in molti possessori di animali domestici sono nate spontanee un paio di domande: sono gli animali domestici a rischio di contrarre il virus? Gli animali contagiati possono a loro volta infettare nuovamente l’uomo?
La risposta alle domande, dicono gli esperti, è fondamentalmente negativa. L’influenza H1N1 attualmente in circolazione può passare facilmente da persona a persona, ma non passa dagli animali all’uomo e viceversa tranne in pochi casi rari.

Non si tratta dunque di un problema concreto, anche se non si può dire che sia impossibile che accada.

Solo recentemente l’agenzia di stampa Associated Press ha comunicato che alcuni veterinari del College di Medicina Veterinaria della Iowa State University, hanno confermato con esami di laboratorio il primo caso di trasmissione del virus H1N1 in un gatto da parte dei suoi padroni.

Ci sono state anche diverse segnalazioni, almeno negli Stati Uniti, del passaggio del virus dagli esseri umani agli animali in particolari condizioni, per esempio in maiali e tacchini degli allevamenti industriali (in Minnesota e nell’Indiana).

Anche quando però avviene la trasmissione a una specie all’altra, i ricercatori hanno verificato che più spesso è il virus H1N1 a diffondersi dall’uomo all’animale piuttosto che il contrario.

E’ vero che si chiama influenza suina, ma il virus H1N1 non è più in realtà un virus suino ma dell’uomo, almeno da quando è stato per la prima volta isolato nella primavera di quest’anno.

Commenti (1)

  1. l’influenza suina e` una malattia che minaccia tutto il mondo soprattutto egitto in cui il tasso di casi morti e` aumentato ,allora dovremo fare tutte le nostre misure per evitare questa malattia contaggiosa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>