Ansia e depressione sono malattie globali

di Vito Verna Commenta

Questi ultimi, in seguito all'accurata revisione di tutta la lettura medico - scientifica inerente l'argomento oggi alla nostra attenzione, sarebbero in questo modo riusciti a risalire ai dati sullo stato di salute psicologica di oltre 450.000 individui provenienti da oltre 91 nazioni di tutto il mondo.

Ansia e depressione sono malattie globali

Esistono, al giorno d’oggi, due particolarissime patologie, che la scienza medica ancora, purtroppo, non avrebbe imparato a spiegare, individuare e curare nel migliore dei modo possibili, che sarebbero a tutti gli effetti da considerarsi quali vere e proprie malattie globali giacché, senz’alcun vero limite e, soprattutto, senz’alcun tipo di distinzione sessuale, sociale o razziale, sarebbero capaci di colpire ogni uomo e donna sulla terra.

IL SONNO MIGLIORA DIVENTANDO ANZIANI

Stiamo parlando, in particolar modo, dell’ansia e della depressione.

RISCHIO DEPRESSIONE POST-PARTUM PER GLI UOMINI DISOCCUPATI

Queste due patologie, nell’accezione più ampia che ai termini di ansia e depressione sarebbe stata data, nel corso degli anni, da esperti, ricercatori, scienziati, medici, psicologi, sociologi ed affini, sarebbero state recentemente analizzate, in termini di diffusione tra la popolazione globale, dai membri della Facoltà di Medicina e Psicologia dell’Università di Queensland.

CONOSCERE E CURARE I DISTURBI D’ANSIA

Questi ultimi, in seguito all’accurata revisione di tutta la lettura medico – scientifica inerente l’argomento oggi alla nostra attenzione, sarebbero in questo modo riusciti a risalire ai dati sullo stato di salute psicologica di oltre 450.000 individui provenienti da oltre 91 nazioni di tutto il mondo.

I risultati, ai quali i ricercatori australiani sarebbero giunti in seguito al confronto di questa ingente mole di dati (scremati di modo che potessero emergere tutti i casi di ansia e depressione registrati in tutto il mondo ed in tutti i tempi), sarebbero stati recentemente pubblicati sulla rivista scientifica Psychological Medicine e avrebbero permesso di appurare come il 4,7% della popolazione mondiale soffra di depressione e come il 7,3% della popolazione mondiale soffra di ansia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>