Utilità e controindicazioni dei cerotti nasali

di Fabiana Commenta

Ottimo rimedio per respirare meglio, magari in caso di raffreddore o durante le prestazioni sportive, i cerotti nasali presentano anche delle controindicazioni

Da qualche tempo a questa parte i cerotti nasali hanno conosciuto una fortunata ascesa, quasi inaspettata. I cerotti nasali sono irrinunciabili per gli atleti dato che aumentano il flusso d’aria durante le prove sportive, ma di fatto sono molto utili a chi è raffreddato o a chi russa visto che mantengono il naso libero favorendo la respirazione. I cerotti nasali sono efficaci e hanno il notevole vantaggio di poter favorire la respirazione senza ricorrere all’utilizzo di farmaci, con la semplice applicazione dell’adesivo sul naso.

Il funzionamento è molto facile: devono essere applicati al centro del naso esattamente come un normale cerotto che all’interno ha delle alette che esercitano una trazione continua sulle pareti nasali svolgendo un’azione meccanica e allargando le narici per favorire la respirazione anche tutta la notte. Sono molto utili anche per i bambini e favoriscono il loro riposo notturno, magari in presenza di un forte raffreddore e sono utili anche per chi russa.

RIMEDI PER SMETTERE DI RUSSARE

Attenzione però perché non vanno usati in ogni momento dato che potrebbero avere delle controindicazioni. Il cerotto facilita il flusso d’aria e per questo modifica anche la normale velocità dell’aria inspirata: visto che l’apparato nasale non ha più il tempo di depurare umidificare l’aria prima che arrivi nei polmoni potrebbero verificarsi possibili squilibri respiratori.

Inoltre non risolvono il problema di chi russa visto che non incidono sulla correzione di uno stato patologico. E anche se durante le attività sportive danno la sensazione di respirare meglio sotto sforzo, di fatto non migliorano le e prestazioni sportive e non vanno usati a lungo. I cerotti nasali sono del tutto sconsigliati a chi soffre di polipi nasali, deviazione del setto, ipertrofia adenoidea e tonsillare, rinite allergica, patologie che portano al russamento più o meno grave.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>