Stimolatore non invasivo contro il mal di testa

di Fabiana Commenta

In arrivo il primo neuromodulatore non invasivo contro il mal di testa

Fra rimedi naturali e farmaci spunta adesso un nuovo metodo per poter contrastare l’emicrania: atteso da oltre 50 anni sembra essere diventato realtà.

Si tratta praticamente di un nuovo stimolatore chiamato STS (sopraorbital trigeminal stimulator) e funziona come un comune telefonino.

Dopo averlo caricato, esattamente come un cellulare, si appoggia semplicemente sulla fronte e fa passare il mal di testa. Funzionerà davvero? Non è certo invasivo (non è un neurostimolatore che necessita di essere impiantato tramite intervento neurochirurgico) e a spiegare come funziona il nuovo stimolatore che ha la forma di un monile in platino e si adatta al paziente è l’ultimo numero della rivista Neurology.

In pratica STS funziona tramite l’emissione di microimpulsi elettrici che sono calibrati in modo tale da risultare impercettibili per le ossa e la cute, ma che vanno ad agire direttamente sulle fibre nervose e in particolare sul ramo frontale e sul sistema trigeminale.

Gli impulsi dello STS hanno due frequenze: da una parte gli impulsi ad alta frequenza stimolano le fibre della sensibilità tattile che vengono sovraeccitate tanto da impedire il passaggio degli impulsi legati al dolore; dall’altra gli impulsi a frequenza più bassa vanno a stimolare le fibre endorfiniche del sistema trigeminale e favoriscono un maggior rilascio di endorfine, i neurormoni del benessere che provvedono ad alzare la soglia di scatenamento del dolore e che riducono in pratica gli attacchi di mal di testa.

NEVRALGIA DEL TRIGEMINO TERAPIA

Il trattamento inoltre è altamente personalizzato visto che deve essere provato all’interno dello studio del medico attraverso un programma computerizzato che va collegato allo STS: in questo modo le frequenze saranno bilanciate secondo parametri adatti alle esigenze personali di ciascuno.

A quel punto il paziente potrà usare lo stimolatore in ogni momento. Non si sono effetti collaterali, solo un leggero effetto sedativo e inoltre l’uso è sconsigliato ai minori di otto anni. Il STS rappresenta la prima profilassi specifica per l’emicrania, ma anche il primo esempio di neuromodulatori non invasivi. E anche se le sperimentazioni hanno confermato l’efficacia pari al 79% è facile intuire che in anche in Italia il STS prenderà piede molto facilmente.

Foto Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>