Sperimentata la rigenerazione dei nervi dopo lesioni al midollo spinale

di Luca Bruno Commenta

Permettere la crescita dei neuroni nel midollo spinale danneggiato è sempre stata una sfida della ricerca medica.

cavia

Aiutare le persone paralizzate a riacquistare una certa capacità di movimento è una sfida che da sempre ha stimolato la ricerca medica e scientifica, e una recente studio di ricercatori negli Stati Uniti ha aggiunto un ulteriore tassello al progresso in questo campo: gli scienziati infatti hanno affermato di essere riusciti con successo ad indurre la rigenerazione dei nervi in topi con gravi lesioni al midollo spinale.

Il team di ricercatori dell’Università della California a San Diego, Irvine ed Harvard hanno agito su un enzima, denominato PTEN, che controlla un processo molecolare volto a regolare la crescita cellulare.

Se in precedenza alcune ricerche avevano dimostrato come nei topi da laboratorio il blocco di questo enzima favoriva la rigenerazione delle connessioni nervose tra l’occhio ed il cervello quando il nervo ottico risultava danneggiato, l’ultimo studio ha invece dimostrato come lo stesso processo rigenerativo si sia verificato con la stessa procedura anche nel midollo spinale lesionato.

I risultati dello studio indicano dunque che la soppressione dell’enzima consente ai neuroni corticospinali danneggiati di attivare una forte risposta rigenerativa, la migliore finora mai osservata nel midollo spinale dei mammiferi.

Gli autori hanno osservato tuttavia come la crescita neuronale osservata non si sia verificata nelle aree precisamente colpite dalla lesione.

Restano ancora quindi da compiere ulteriori sperimentazioni sia per riuscire a convogliare la rigenerazione cellulare nel punto preciso della lesione, ed anche di verificare se questa permetterà agli animali di recuperare in parte le capacità motorie.

Restano anche da esplorare tempistiche e dosaggi adatti perchè il trattamento ottenga il massimo del suo effetto.

Fonte LosAngelesTimes

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>