Sclerosi multipla intensifica il suo sviluppo durante le stagioni calde

di Luca Bruno Commenta

Secondo un equipe di ricercatori statunitensi l'attività della sclerosi aumenta durante le stagioni più calde.

nuvola

La gravità della sclerosi multipla può variare a seconda delle stagioni, suggerisce un nuovo studio di ricercatori statunitensi.
La sperimentazione, realizzata presso il Brigham and Women’s Hospital di Boston ha infatti dimostrato, grazie all’uso della risonanza magnetica, che vi sono più alti livelli di attività del disturbo durante i mesi primaverili ed estivi.
Anche se il motivo di ciò non è chiaro, secondo i ricercatori quanto osservato potrà essere utile in futuro per la sperimentazione dell’efficacia di nuovi farmaci, che potrebbero essere testati nella loro validità considerando anche questa variabile, finora non presa in considerazione.

La ricerca si è svolta mettendo a confronto le scansioni a risonanza magnetica di 44 pazienti affetti da sclerosi multipla e le condizioni meteorologiche dei giorni in cui queste venivano eseguite, dal 1990 al 1993 comprendenti la temperatura ambientale, il livello di precipitazioni e la quantità di radiazioni solari.

I pazienti, affetti da sclerosi multipla non trattata farmacologicamente, sono stati sottoposti ad otto scansioni ogni 15 giorni, e ad un checkup a distanza di sei mesi, per una media totale di circa 22 scansioni a persona.

Dopo un anno di rilevamento dati in 31 pazienti sono state individuate 310 nuove lesioni, e queste risultavano comparire con più probabilità nel corso della primavera e dell’estate.

Un’ulteriore analisi dei dati ha inoltre dimostrato una maggior attività del disturbo e lo sviluppo di ulteriori danni soprattutto nei mesi più caldi.

Lo studio, pubblicato su Neurology, apre la strada ad ulteriori ricerche, per poter scoprire in che modo i fattori ambientali giocano un ruolo nello sviluppo della sclerosi.

Fonte BBCNews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>