Possibilità di autismo nei bambini prematuri

di Vito Verna Commenta

i bambini prematuri avrebbero più possibilità di sviluppare l'autismo rispetto ai nati normopeso.

Nonostante si fosse già da tempo intuita la possibile correlazione tra nascita prematura e sviluppo dell’autismo, malattia della quale abbiamo avuto modo d’informarvi in più occasioni, una recente ricerca, i cui risultati sarebbero stati pubblicati, proprio in questi giorni, sulle colonne di Pediatrics, la più autorevole rivista mondiale di pediatria, lo avrebbe dimostrato, definitivamente, concentrando i propri sforzi sullo studio delle cause, per la verità ancora sconosciute, di insorgenza dell’autismo, evidenziando come un mancato o difettoso sviluppo cerebrale possa rappresentare un fattore decisivo.


Lo studio, condotto dai pediatri dell’Università della Pennsylvania, avrebbe preso il via nel triennio compreso tra il 1984 ed il 1987. Da allora, in particolare, circa 1.115 bambini, nati prematuramente e con un peso compreso tra i 500 grammi ed i 2 chili, sarebbero stati posti sotto osservazione per circa 16 anni.

I risultati di questa indagine preliminare, volta a conseguire quanto più materiale possibile sulle capacità psicomotorie dei soggetti coinvolti, così come ad evidenziarne la tappe evolutive, le difficoltà cognitive e quant’altro, sarebbero poi stati messi in correlazione con quelli dei bambini nati a termine e avrebbero prodotto le conclusioni di cui sopra.

In particolare, come evidenziato da Pediatrics, il rischio, per un bambino prematuro, di sviluppare una forma di autismo, sarebbe addirittura 5 volte superiore rispetto a quello corso da un bambino nato a termine.

Purtroppo, però, non sarebbero ancora state individuate le cause del disagio sebbene si ipotizzi, in via del tutto teorica, che i bambini prematuri possano subire una lesione cerebrale, al momento del parto e nella zona inerente il controllo della comunicazione verbale, che, sebbene ignorata, avrebbe difficoltà di riassorbimento causando, appunto, l’autismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>