Morbo di Alzheimer causato da un virus?

di Fabiana Commenta

L'Alzheimer potrebbe essere causato da un virus molto comune, il citomegalovirus. Lo studio americano

cervelloIl temibile e terribile Morbo di Alzheimer potrebbe essere causato da un virus, il citomegalovirus (CMV): si tratta di un virus estremamente comune e tendenzialmente innocuo che risulta pericoloso solo in gravidanza.

 

In realtà chi contrae il citomegalovirus ne resta contagiato per tutta la vita anche se le maggior parte delle infezioni da CMV è silente e l’individuo neppure si accorge di averlo contratto: i sintomi (mal di gola, febbre, ghiandole gonfie) spesso si manifestano solo nelle persone con il sistema immunitario indebolito. 

 

Un recente studio americano ha però messo in evidenza una certa associazione fra le risposte immunitarie dei pazienti con CMV e i segni del morbo di Alzheimer. 

Lo studio dei ricercatori americani del Rush University Alzheimer’s Disease Center di Chicago pubblicato sul The Journal of Infectious Diseases, per il momento non ha trovato delle concrete relazioni, tuttavia ha suggerito una possibile correlazione fra l’infezione da CMV e il morbo Alzheimer: si tratta solo del primo studio di genere che aprirebbe la strada ai successivi, ma suggerisce le infiammazioni del cervello causate dall’infezione possano essere la causa concreta delle modifiche cerebrali legate proprio alla degenerazione cognitiva che caratterizza l’Alzheimer.

Di certo il CMV può infettare il cervello e il midollo spinale aumentando infiammazione cerebrale che potrebbe scatenare l’Alzheimer.

 

OLIO D’OLIVA EFFICACE CONTRO L’ALZHEIMER

 

Lo studio si è concentrato sull’analisi di persone decedute che in vita avevano preso parte a un particolare studio, Aging-and-dementia study: in comune i pazienti avevan il fatto che erano stati dalla malattia di Alzheimer o ne potessero essere affetti con una certa probabilità.

 

 CURA PER L’ALZHEIMER NASCOSTA NELL’INTESTINO

 

In 37 pazienti erano presenti gli anticorpi contro il CMV, nei restanti 22 non ve ne era traccia: l’80% di chi aveva gli anticorpi presentava alti livelli di un marker dell’infiammazione nel liquido cerebrospinale (al contrario di chi non presentava gli anticorpi) e presentava i tipici “grovigli neurofibrillari” già collegati all’Alzheimer.

Secondo i ricercatori i dati indicherebbero chiaramente che il CMV possa causare effettivamente l’infiammazione legata al morbo di Alzheimer. 

 

 

 

 

 

 

Attenzione però perché i ricercatori spiegano che non è stata trovata una vera correlazione fra il CMV e l’Alzheimer, ma è anche vero che lo studio è molto importante visto che suggerisce per il prima volta l’idea che un virus (il CMV, ma anche altri) possano causare gli stessi effetti dannosi per il cervello. 

 

 

Foto Thinkstock

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>