Cinque sintomi di allerta per prevenire l’ictus

di Fabiana Commenta

Cinque campanelli d'allarme per prevenire l'ictus: la guida di un noto cardiologo americano

ictusSecondo un famoso cardiologo e neurologo statunitense sarebbe possibile prevedere un possibile attacco di ictus o un infarto facendo attenzione a cinque particolari campanelli d’allarme. 

 

Ne è assolutamente convinto il dottor Patrick D. Lyden del Cedars-Sinai Medical Center di Los Angeles e direttore del Programma Stroke al Cedars-Sinai Medical Center (CSMC) che ha svelato cinque particolari sintomi improvvisi e gravi che potrebbero indicare l’imminente insorgenza di un ictus. Intervenire tempestivamente può non solo salvare la vita, ma anche ridurre i danni riportati dal paziente.

Ecco i sintomi da tenere sotto controllo.

 

Attenzione se avvertire un improvviso intorpidimento sul lato del corpo, braccio o gamba o la debolezza a livello del viso.

Attenzione se all’improvviso vi rendete conto che la persona avverte un senso di confusione improvvisa, difficoltà a parlare a capire quello che accade intorno.

Altro sintomi da tenere in considerazione è l’improvvisa difficoltà visiva da uno dei due occhi.

Attenzione anche se sopraggiunge una grave difficoltà di deambulazione, vertigini, perdita dell’equilibrio o di coordinazione.

 

FRUTTA E VERDURA RIDUCONO IL RISCHIO DI ICTUS CEREBRALE

 

Possono presentarsi altri sintomi come ade esempio un violento e improvviso mal di testa senza che sia apparentemente legato a una causa in particolare.

Il dottor Lyden avverte che l’ictus può manifestarsi all’improvviso anche senza destare alcun sospetto. Il cardiologo avverte che se si avverte anche solo uno sintomi citati, è bene non sottovalutarlo e correre subito ai ripari, solo in questo modo può essere possibile prevenire l’ictus o quanto meno ridurne gli effetti, come l’invalidità.

 

POMODORI RIDUCONO IL RISCHIO DI ICTUS

Intervenire tempestivamente è con la giusta terapia farmacologia entro breve dal primo insorgere dei sintomi eclatanti è fondamentale e può realmente incidere sulla sopravvivenza e sull’invalidità del paziente. Secondi i dati diffusi dal dottor Lyden, se vengono somministrati i farmaci entro 3 ore dall’insorgenza dei sintomi è possibile migliorare i risultati del 30%.

Il problema consiste anche nel fatto che nel corso degli ultimi anni l’ictus ha cominciato a colpire non solo gli anziani, ma anche persone più giovani e si è passati in media da un’età di 69-71 anni a meno di 55. La prevenzione e la tempestività sono assolutamente fondamentali.

 

 

Foto Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>