Auto-cannibalismo causerebbe il fallimento delle diete

di Vito Verna Commenta

Le diete fallirebbero a causa dell'auto-cannibalismo delle cellule cerebrali

Quando si comincia una dieta è oltremodo necessario armarsi di pazienza, determinazione e costanza. Questi fattori, infatti, uniti ad un’adeguata attività fisica e ad un regime alimentare preventivamente concordato con il proprio dietologo (bisogna, infatti, diffidare dei rimedi fai da te, magari scovati su internet. A tal proposito si legga l’articolo “Giovane di Latina si spaccia medico su Yahoo! Answer” sulla pericolosità dei consulti online) sono alla base della riuscita di qualsiasi dieta.

A volte, però, questi elementi determinanti, potrebbero non bastare.


[LEGGI] UNIONE DIABETE, FUMO, OBESITÀ: RISCHIA IL CERVELLO

Secondo una recente ricerca pubblicata dagli studiosi dell’Albert Einstein College of Medicine, infatti, il fallimento delle diete non sarebbe dovuto allo scarso impegno del paziente, bensì a causa di una forma di auto-cannibalismo che interesserebbe i neuroni, ovverosia le cellule cerebrali.

[LEGGI] ANSIA CAUSATA DA DIFETTI DEL CERVELLO

L’auto-cannibalismo cellulare è un processo ormai notissimo in medicina e sarebbe comune alle cellule di numerosi organi e tessuti che compirebbero questa stravagante pratica per scopi di rigenerazione e “pulizia”.

Quando, però, si comincerebbe una dieta, si verificherebbe un fenomeno potenzialmente pericoloso nonché inutile.

[LEGGI] SMETTERE DI FUMARE È DIFFICILE A CAUSA DI UN’ENZIMA

A causa dei regimi dietetici, infatti, che causano profonde modifiche alla quantità e alla qualità del cibo ingerito, i neuroni comincerebbero a mangiarsi per cercare di sopperire al minore apporto energetico. Il processo, però, a causa di sofisticati meccanismi di autodifesa, avrebbe dei limiti, e non permetterebbe il recupero dell’energia “persa” grazie a quesa particolare forma di cannibalismo. A questo punto, i neuroni stessi, bisogno di energia per il compimento delle proprie funzioni e impossibilitati a ricavarla da loro stessi, attiverebbero l’ipotalamo che lancerebbe al corpo lo stimolo della fame che indurrebbe il paziente a saziarsi venendo meno ai dettami stabiliti dalla dieta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>