Nuovo genotipo di ceppo fungino desta preoccupazione negli USA

di Luca Bruno Commenta

Allarme negli Stati Uniti per una nuova minaccia per la salute che proviene da un ceppo fungino presente nell'ambiente che può avere anche conseguenze letali.

fungo

Allarme negli Stati Uniti per una nuova minaccia per la salute che proviene da un ceppo fungino presente nell’ambiente che può avere anche conseguenze letali.
Il fungo, individuato recentemente in Oregon, si è rapidamente esteso anche in altri stati, raggiungendo la California.
Un nuovo genotipo,VGIIc, del Criptococcus Gattii, questo il nome del microrganismo, avrebbe già causato una serie di decessi nella regione, e nell’area del Pacifico nord occidentale sarebbero 21 i casi individuati dai ricercatori, con un tasso di mortalità che tocca il 25%.

Alcuni scienziati del Dipartimento di Genetica Molecolare e Microbiologia presso la Duke University Medical Center in North Carolina hanno evidenziato come la minaccia sia da prendere seriamente in considerazione, perchè ha dimostrato di essere in grado di colpire anche le persone sane, oltre a quelle che già in passato erano considerate a rischio, come le persone affette da HIV e quelle indebolite da trapianti.

Maggior consapevolezza e vigilanza, affermano i ricercatori, per il fungo, che presenta, nel caso di infezioni, manifestazioni sintomatiche come tosse prolungata anche per settimane, dolore acuto al torace, mancanza di respiro, mal di testa, pericolo di meningite e perdita di peso.

Anche gli animali possono esser vittime dell’infezione, che in questo caso si manifesta con naso che cola, difficoltà respiratorie e problemi al sistema nervoso.

L’infezione, che può comparire da due a più mesi dopo l’esposizione, può essere curata, ma per il momento non esiste un vaccino in grado di prevenirla.

Lo studio è recentemente apparso sulla rivista PLoS Pathogens.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>