Boom di allergie, medici: “Tsunami mondiale”

di Sveva 1

Continuano ad aumentare le persone che soffrono di allergie e i medici lanciano l’allarme: si tratta di un vero e proprio tsunami mondiale e qualcosa dovrà cambiare affinché questo disturbo, che ormai sta dilagando tra grandi e piccini, possa essere in qualche modo arginato.

allergia polline

Ma per il momento i dati parlano chiaro e disegnano uno scenario piuttosto allarmante con allergie al polline e allergie alimentari in netta ascesa. Spiega Alessandro Fiocchi, responsabile di Allergologia dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, che presiederà a Roma i lavori del Congresso annuale della WAO, l’Organizzazione Mondiale delle Allergie:

La rinite colpisce oltre il 30% dei ragazzi anche in Italia e complessivamente tutte le allergie sono raddoppiate dal 1980 al 2000. In Europa si stima che tra 11 e 26 milioni di persone soffrano di allergie alimentari, una fonte di preoccupazione soprattutto tra i più piccoli: almeno 1 bambino su 20, infatti, è allergico a uno o più alimenti. In Italia, la prevalenza della dermatite atopica, della rinite allergica e dell’asma tra i bambini di 6 – 12 anni è rispettivamente del 7%, 14,5% e 9%. Ciò significa 490.000 bambini tra 0 e 14 anni con eczema, un milione con rinite e 630.000 con asma

Insomma i dati parlano chiaro: le allergie colpiscono anche i bambini e non sono un problema solo degli adulti. Ecco perché i medici sono convinti che qualcosa debba cambiare per rendere questo problema meno diffuso tra la popolazione non solo italiana ma del mondo.

Ti potrebbe interessare anche:

 I SINTOMI PIÙ COMUNI DELL’ALLERGIA AL NICHEL

 RIMEDI NATURALI PER ALLERGIA DA ACARI

ALLERGIA AL POLLINE DEL CIPRESSO

Photo | Thinkstock

Commenti (1)

  1. Good article and all valid points but #3 resonated with me the most. One measurement of a professional and the difference between a person who simply provides services is that a pro actually knows HOW and WHY to do sotehming.HCI and UX are very interesting fields of study and honestly see more marketing pros needing to learn more about it over the next few years no matter how they classify themselves.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>