Sintomi aborto spontaneo

di Elena Botta Commenta

E' chiaro che la possibilità che si verifichi un aborto spontaneo viene vista durante una visita ginecologica, in cui il medico raccoglie i dati relativi allo stato di salute della paziente e compila così l'anamnesi.

13047_178932491540_175807766540_3534873_4166916_n

Abbiamo parlato delle cause che provocano l’aborto spontaneo, un’interruzione di gravidanza che solitamente avviene nei primi tre mesi e spesso presenta dei sintomi che sono comuni.
E’ chiaro che la possibilità che si verifichi un aborto spontaneo viene vista durante una visita ginecologica, in cui il medico raccoglie i dati relativi allo stato di salute della paziente e compila così l’anamnesi.
In particolar modo con l’ecografia il ginecologo riesce a diagnosticare una possibile patologia abortiva e vedere se si tratta di un aborto spontaneo completo, o di un aborto incompleto, oppure di un aborto interno.



Partendo dal presupposto che per verificare una gravidanza in atto, oltre ad analizzare i primi sintomi, è necessario effettuare un test di gravidanza che metterà in evidenza i valori dell’ormone HCG nelle urine, va da sè che se nelle analisi del sangue successive il valore è scomparso, vuol dire che la gravidanza si è interrotta.
C’è anche da aggiungere che può succedere che i sintomi che caratterizzano i primi mesi della gravidanza ( a meno che si tratti si una gravidanza asintomatica) spariscano di colpo e questo dovrebbe mettere in allarme la donna che dovrebbe recarsi immediatamente dal ginecologo per effettuare una visita.
Se la donna presenta forti dolori all’addome, crampi e un’emorraggia (che si manifesta come una mestruazione e può essere anche scambiata per l’impianto dell’embrione nella cavità uterina) è necessario che venga effettuata una visita ginecologica per stabilire se si tratta di una gravidanza a rischio o no.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>