Il junk food in gravidanza provoca danni gravi al bambino

di Elena Botta Commenta

un recente studio ha approfondito i danni che possono scaturire da una dieta sbagliata da parte della madre, in modo particolare dall'assunzione del junk food su un lungo periodo.

ferro-gravidanza

Abbiamo già parlato del junk food, il cibo spazzatura che crea una vera e propria dipendenza, tanto che in Romania è stata introdotta una tassa su questo cibo e dell’importanza di non mangiarlo durante la gravidanza perchè una dieta ricca di grassi saturi può provocare problemi di salute al nascituro.
Infatti un recente studio ha approfondito i danni che possono scaturire da una dieta sbagliata da parte della madre, in modo particolare dall’assunzione del junk food su un lungo periodo.



Infatti il cibo spazzatura può provocare alterazioni del Dna e predisporre il bambino all’obesità, anche se la mamma non risulta avere problemi di linea.
E’ chiaro il fatto che la dieta della donna incinta influisce sui cambiamenti epigenetici del feto e il junk food contribuisce notevolmente all’insorgenza dell’obesità infantile.
C’è anche da aggiungere un fattore molto importante: se la donna assume junk food quotidianamente diventa nella maggior parte dei casi obesa e l’obesità di una madre può essere letale per il feto.
In più, paradossalmente, le donne obese partoriscono bambini sottopeso che al massimo raggiungono i due chili e mezzo, ma soprattutto rischiano con una percentuale molto alta, di avere un parto prematuro.
Esiste anche la possibilità nelle donne incinte che mangiano junk food, di soffrire di eclampsia, una patologia gravissima, che si manifesta con convulsioni, edema, proteinuria ed ipertensione arteriosa e che provocano danni gravissimi al feto, dai problemi legati all’apparato respiratorio fino alla morte prematura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>