Le sorprendenti proprietà dell’avocado

di Vito Verna Commenta

Questo particolarissimo frutto tropicale ed esotico sarebbe infatti ricchissimo di antiossidanti.

Le sorprendenti proprietà dell'avocado

Torniamo a parlare di benefici frutti, dopo il nostro apprezzatissimo articolo dedicato all’agrimoniin che, oltre ad essere presente nell’agrimonia, rarissima piante orientale, sarebbe altresì presente, in concentrazioni tutt’altro che trascurabili od irrisorie, nelle ben più comuni fragole, grazie alla descrizione dell’avocado.

I FRUTTI PIU’ RICCHI DI ANTIOSSIDANTI

Questo particolarissimo frutto tropicale ed esotico, ormai sempre più diffuso anche sulle nostre tavole nonché quale ingrediente principale dei più svariati cosmetici piuttosto che prodotti di bellezza, sarebbe infatti ricchissimo, stando a quanto appurato dai ricercatori dell’Università di Michoacana – San Nicolas de Hidalgo (importantissima azienda ospedaliera – universitaria messicana sita nei pressi di Morelia), di antiossidanti.

DIETA NATURALE PER RIMANERE GIOVANI E BELLI

L’olio che sarebbe possibile estrarre da codesto frutto, avvertirebbero gli studiosi messicani, presenterebbe particolari caratteristiche chimiche che lo renderebbero davvero molto simile al ben più noto, ed ormai diffusissimo in tutto il mondo, olio extravergine di oliva e le cui spiccate proprietà benefiche sarebbero state ormai definitivamente riconosciute ed apprezzate dalla comunità scientifica internazionale.

UN BICCHIERE DI VINO AL GIORNO PER DIMAGRIRE

L’olio di avocado, dunque, sarebbe davvero molto utile, grazie al proprio concentratissimo contenuto di antiossidanti, per combattere i radicali liberi che, come ormai dovrebbe essere amplissimamente noto, rappresenterebbero una delle più comuni, diffuse e pericolose cause di invecchiamento precoce delle cellule che, a causa delle effetto, poco meno che devastante, dei radicali liberi nonché di numerosi altri fattori (ultimo tra tutti quelli che sarebbero stati analizzati sarebbe lo stress psicofisico), potrebbero portare allo sviluppo delle più terribili neoplasie maligne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>