Nuovo test per diagnosticare tumori a seno e ovaie

di Vito Verna Commenta

Gli esperti dell'istituto di ricerca statunitense, stando a quanto dichiarato dai responsabili del programma di ricerca oggi alla nostra attenzione alla prestigiosa rivista scientifica PLoS ONE, avrebbero sottoposto ad un accurato screening genetico circa 99 donne predisposte allo sviluppo di una qualsiasi neoplasia del seno o delle ovaie e circa 410 donne non predisposte allo sviluppo di una qualsiasi neoplasia del seno o delle ovaie.

Nuovo test per diagnosticare tumori a seno e ovaie

Direttamente dal Center for Human Reproduction di New York City, negli Stati Uniti d’America, è giunta in questi ultimi giorni la notizia, davvero molto confortante, che un team di ricercatori statunitensi avrebbe individuato una particolare mutazione genetica che dovrebbe riuscire a consentire lo sviluppo di nuovi, più efficaci ed economici, test diagnostici per la valutazione, precoce e, dunque, decisamente vantaggiosa dal punto di vista terapeutico, del rischio di sviluppare un tumore al seno o un tumore alle ovaie.

INFIAMMAZIONE DELLA PROSTATA

Gli esperti dell’istituto di ricerca statunitense, stando a quanto dichiarato dai responsabili del programma di ricerca oggi alla nostra attenzione alla prestigiosa rivista scientifica PLoS ONE, avrebbero sottoposto ad un accurato screening genetico circa 99 donne predisposte allo sviluppo di una qualsiasi neoplasia del seno o delle ovaie e circa 410 donne non predisposte allo sviluppo di una qualsiasi neoplasia del seno o delle ovaie.

TOSSICITÀ DEGLI INTEGRATORI VITAMINICI

I risultati in questo modo ottenuti avrebbero permesso di appurare, come tra l’altro ci si sarebbe già potuti attendere, che le donne maggiormente predisposte presenterebbero un’importante nonché rilevante mutazione genetica a livello dei geni Brca1 e Brca2 che, invece, sarebbe quasi totalmente assente dalle donne non predisposte.

TUMORE ALLA PROSTATA E INTEGRATORI ALIMENTARI 

Ciò che i ricercatori non si sarebbero potuti aspettare è la conferma che, oltre ai geni Brca1 e Brca2, anche il gene Fmr1, la cui individuazione sarebbe, come anticipato in apertura, decisamente veloce, economica ed efficacie, sarebbe ampiamente modificato nelle donne predisposte allo sviluppo di una qualsiasi neoplasia del seno o delle ovaie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>