L’atrofia muscolare spinale

di Elena Botta Commenta

L'atrofia muscolare spinale è una malattia delle cellule nervose del midollo spinale

sediarotelle

L’atrofia muscolare spinale è una malattia delle cellule nervose del midollo spinale.
Da queste cellule partono i nervi collegati ai muscoli che trasmettono i segnali motori, per questo motivo la Sma (in inglese Spinal muscular atrophy) colpisce i muscoli volontari responsabili di qualsiasi tipo di movimento.
E’ una malattia autosomica recessiva (come ad esempio la Sindrome di Gorlin Goltz di cui abbiamo parlato recentemente) e che quindi si manifesta soltanto nel momento in cui tutti e due i genitori ne sono portatori e la percentuale che ciò avvenga è del 25% ossia si uno su quattro.
Esistono delle forme anche molto rare di questa malattia che possono manifestarsi come come forma mutante oppure autosomica dominante.
Di solito, questa patologia colpisce i muscoli più vicini al tronco e quindi rende più difficile la mobilità delle gambe, mentre gli arti superiori risultano meno coinvolti.
La sma di tipo 1 colpisce i bambini al di sotto dei sei mesi d’età oppure risulta già presente nei mesi finali della gravidanza e si riscontra con una mancanza di movimenti fetali.
Di solito un bimbo colpito dal tipo 1 non è in grado di sollevare la testa o di compiere progressi fisici e motori, oppure può anche presentare una difficoltà ad inghiottire la propria saliva, il petto può apparire concavo dovuto alla debolezza e al cattivo sviluppo dei muscoli ntercostali.



Il tipo 2 invece, viene diagnosticato nei primi due anni di età e i bambini affetti da questa forma della patologia riescono a stare seduti senza aiuto e a muoversi tramite tutori.
Più gravi risultano essere i problemi di deglutizione che spesso portano il bambino ad alimentarsi con un sondino gastrico.
La tipo 3 invece è una forma più lieve e può comparire dopo i quindici mesi fino all’età adolescenziale, i pazineti possono stare in piedi da soli e deambulare ma possono avere difficoltà nel sedersi e nell’alzarsi.
Le tre tipologie sopra citate di solito non progrediscono.
Il tipo 4 colpisce n età adulta, di solito dopo i 35 anni e si caratterizza da un inizio insidioso e da una lenta progressione, di solito però non colpiscono i muscoli bulbari atti alla deglutizione.
E’ importante non confonderla con la sclerosi multipla perchè in realtà questa malattia ha un riscontro con i vasi sanguigni ristretti nel cervello e non la mancanza di segnali dei nervi spinali ai muscoli, secondo le teorie del dott. Zamboni e della correlazione che ha trovato per questa malattia e la CCSVI (di cui ne soffre anche Nicoletta Mantovani).
Esiste poi ancora un tipo chiamato Sma adulta legata al cromosoma X che si manifesta soltanto nei maschi adulti che spesso sono soggetti ad un ingrossamento delle mammelle detto ginecomastia.
Possono essere colpiti anche i muscoli facciali e della lingua e il decorso è progressivo ma lento.
E’ importante sottolineare che il tipo 1 è la seconda causa di morte fra le patologie autosomiche recessive dopo la fibrosi cistica.
Non esiste una cura quindi è importante sostenere la ricerca, se volete saperne di più andate sul sito www.famigliesma.org.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>