La malaria avrebbe ucciso Tutankhamon

di Luca Bruno Commenta

Scienziati egiziani hanno trascorso gli ultimi due anni nello studio dei resti del celebre faraone Tutankhamon, per scoprire il perchè della sua morte prematura.

faraone

Scienziati egiziani hanno trascorso gli ultimi due anni nello studio dei resti del celebre faraone Tutankhamon, per scoprire il perchè della sua morte prematura. Il giovane regnante egiziano, del quale furono trovati i resti praticamente intatti nei primi anni ’20 del novecento, muore all’età di 19 anni, e dall’epoca della scoperta sono state tante le teorie di scienziati ed archeologi sui motivi che avrebbero posto fine alla vita del faraone. Alcuni hanno sostenuto si sia trattato di un assassinio, altri che il decesso fosse avvenuto a causa delle complicazioni occorse in seguito alla caduta da un cocchio. Altri ancora ritenevano che nella famiglia di Tutankhamon ci fossero tracce di una rara malattia ereditaria, denominata sindrome di Marfan.

Lo studio recente sui resti della mummia, non perfettamente conservata come altre, e su altri dieci esemplari di mummie appartenenti allo stesso ceppo famigliare, che ha escluso la presenza del disturbo genetico ed ereditario, offre oggi un’altra ipotesi: il re egiziano potrebbe essere stato colpito dalla malaria. Tracce del parassita sono infatti state ritrovate nel sangue, e ciò tra l’altro rappresenta la più antica testimonianza della presenza della malaria sul pianeta.

Dunque la malaria potrebbe essere stata la responsabile della morte di Tutankhamon, anche se gli scienziati, da alcuni indizi come la presenza di bastoni da passeggio, e di alcune fratture nel torace, continuano a tener viva l’ipotesi che la morte del giovane sia stata causata da un trauma violento.

Il fatto che sia stata individuata la presenza della malaria può non significare che essa effettivamente si fosse sviluppata nel corpo del faraone.

Oppure, concludono altri studiosi, l’infezione malarica potrebbe avere preso il sopravvento sul corpo del giovane, indebolito da un precedente incidente o dalla presenza di un altro male ereditario, piuttosto raro, che per alcuni scienziati sarebbe la malattia di Kohler II, che colpisce le ossa del piede.

Fonte BBCNews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>