La chemioterapia aiuta i tumori

di Vito Verna Commenta

Fin qui nulla di strano e, se la notizia si fosse fermata a questo punto, non vi sarebbe davvero stato nulla di cui scandalizzarsi o preoccuparsi giacché, come forse saprete, davvero nessuna terapia antitumorale avrebbe un'efficacia, una validità ed una sicurezza pari al 100%.

La chemioterapia aiuta i tumori

La notizia di oggi è, purtroppo, una di quelle letteralmente capaci di far gelare il sangue nelle vene poiché in grado di annichilire le speranze di milioni di persone malate di cancro.

L’ALCOL AUMENTA IL RISCHIO DI CANCRO AL SENO

La notizia di oggi, che apprendiamo direttamente dalle colonne della prestigiosa rivista scientifica Nature, in assoluto una delle più conosciute e diffuse in tutto il mondo, affermerebbe, infatti, che neppure la chemioterapia possa venir in assoluto considerata una terapia sicura, valida ed efficace.

OMEGA 3 PER COMBATTERE LA STANCHEZZA DEL CANCRO

Fin qui nulla di strano e, se la notizia si fosse fermata a questo punto, non vi sarebbe davvero stato nulla di cui scandalizzarsi o preoccuparsi giacché, come forse saprete, davvero nessuna terapia antitumorale avrebbe un’efficacia, una validità ed una sicurezza pari al 100%.

THE LANCET CONFERMA ATTIVITA’ ANTITUMORALE DELL’ASPIRINA

La vera e propria scoperta di questi ultimi giorni, scoperta giudicata assolutamente inaspettata sin’anche dai ricercatori del Fred Hutchinson Cancer Research Center di Seattle che avrebbero effettuato la sperimentazione, sarebbe quella che la chemioterapia, in taluni particolari casi, potrebbe addirittura aiutare le cellule tumorale ad espandersi e a consolidarsi all’interno dell’organismo.

E i casi in questione, purtroppo, non sarebbero affatto da considerarsi inusuali, rari o isolati se è vero, com’è vero, che la su indicata terapia avrebbe sempre dimostrato, in vitro, un rapidità ed un efficienza pressoché pari al 100%.

Ciò, purtroppo, non accadrebbe nel corpo umano giacché la chemioterapia, inevitabilmente colpendo anche cellule perfettamente sane, potrebbe indurre queste ultime a secernere una particolare sostanza che non solo le proteggerebbe dai più gravi effetti collaterali della chemioterapia bensì anche, e soprattutto, alla lunga servirebbe a proteggere le cellule tumorali dalla chemioterapia stessa.

Queste le dichiarazioni, sul delicato argomento oggi alla nostra attenzione, di Peter Nelson che, dello studio pubblicato su Nature sarebbe coautore: “I nostri risultati indicano che il danno nelle cellule benigne puo direttamente contribuire a rafforzare la crescita ‘cinetica’ del cancro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>