La celiachia aumenta i rischi di parto di bambini autistici

di Luca Bruno Commenta

Secondo uno studio pubblicato ne numero di luglio della rivista Pediatrics, i bambini di madri che hanno malattie autoimmuni come il diabete di tipo 1, l'artrite reumatoide e la celiachia hanno rischio tre volte maggiore di nascere autistici.

neonato

Secondo uno studio pubblicato nel numero di luglio della rivista Pediatrics, i bambini di madri che hanno malattie autoimmunitarie come il diabete di tipo 1, l’artrite reumatoide e la celiachia hanno un rischio tre volte maggiore di nascere autistici.
L’associazione tra autismo e diabete di tipo 1 così come tra autismo ed artrite reumatoide erano già stati evidenziati in precedenti studi, e questa nuova ricerca non solo conferma i dati già acquisiti, ma approfondisce un terzo fattore di rischio che fino ad oggi non era stato preso in considerazione: la celiachia.

I ricercatori del Dipartimento di Salute Mentale alla Bloomberg School of Public Health della Johns Hopkins University hanno lavorato su un campione di 3.325 bambini danesi con diagnosi di autismo, e disturbi similari, che comprendevano anche 1089 casi di autismo infantile.

I bambini, nati tra il 1993 e il 2004, ed i dati su di loro sono stati ricavati dal Registro Nazionale Psichiatrico Danese. I dati sui famigliari con disturbi al sistema immunitario sono stati ricavati invece dal Registri Nazionale degli ospedali danesi.

I ricercatori hanno rilevato che i bambini le cui madri avevano malattie del sistema immunitario risultavano 1,5 volte maggiormente a rischio se la madre era affetta da diabete, di 2 volte superiore nel caso di madre con artrite reumatoide e ben 3 volte più a rischio nel caso di madre celiaca.

Sembra dunque che ci sia un collegamento tra l’autismo e alcune malattie autoimmunitarie, anche se il meccanismo di tale associazione è ancora tutto da scoprire.

Tra le ipotesi il fatto che l’interazione potrebbe essere associata alle malattie di per sé, oppure potrebbe derivare dal fatto che i geni associati alle malattie autoimmunitarie e quelli associati all’autismo siano vicini l’uno all’altro, oppure ancora che il disturbo immunitario influisca sulla qualità della gravidanza.

Potrebbe anche trattarsi del fatto che i bambini nati sottopeso o prematuramente sono più a rischio di autismo, e, dato che tra le donne affette da malattie del sistema immunitario i parti prematuri e sottopeso sono più comuni, questo potrebbe contribuire ad alzare i fattori di rischio.

In ogni caso questi dati non devono destare eccessiva preoccupazione nelle famiglie, visto che la percentuale di bambini che nascono sani pur in presenza di malattie autoimmunitarie è comunque molto bassa, potrebbero però essere di importanza notevole per quegli scienziati che stanno svolgendo ricerche sull’autismo, per orientare i loro studi sull’importanza che la genetica può avere nello sviluppo di questa condizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>