Ipertensione, iperglicemia e colesterolo alto nei figli nati da madri obese

di Vito Verna Commenta

Una recente ricerca statunitense, condotta dagli esperti cardiologi, nutrizionisti e dietologi dell'Università di Washington sarebbe definitivamente riuscita a dimostrare quali sarebbero i disturbi cardiocircolatori che potrebbero colpire, in età adulta, i figlia nati da madri in sovrappeso.

Ipertensione, iperglicemia e colesterolo alto nei figli nati da madri obese

Abbiamo sempre sostenuto, anche qui su Stetoscopio, che l’essere sovrappeso, se non addirittura essere obese, specialmente in gravidanza, potrebbe compromettere, gravemente, sia la salute della madre che, purtroppo, la salute del nascituro.

PARTO CESAREO

Ebbene, come comunicato in mattinata dai principali quotidiani locali e nazionali, una recente ricerca statunitense, condotta dagli esperti cardiologi, nutrizionisti e dietologi dell’Università di Washington, negli Stati Uniti d’America, su 1.400 bambini nati a Gerusalemme tra il 1974 ed il 1976, sarebbe definitivamente riuscita a dimostrare, ed elencare, quali sarebbero i disturbi cardiocircolatori che, con ogni probabilità, potrebbero colpire, in età adulta, i figlia nati da madri in sovrappeso se non, appunto, addirittura obese.

FASI DEL PARTO NATURALE

Codeste patologie, rinvenute, al compimento del 32esimo anno di età, nella quasi totalità dei figli nati da madri obese o sovrappeso, sarebbero, in particolar modo, l’ipertensione, rintracciabile sia a livello di pressione minima che di pressione massima, l’iperglicemia, ovverosia uno dei più evidenti sintomi del diabete mellito di tipo 1 e del diabete mellito di tipo 2, ed elevati livelli di colesterolo LDL.

IPNOSI CONTRO I DOLORI DEL PARTO

Inoltre, sempre stando a quanto avrebbero potuto appurare i ricercatori statunitensi, i figli la cui madre, durante la gravidanza, sarebbe ingrassata di più di 14 chilogrammi avrebbero dimostrato di possedere un Indice di Massa Corporea notevolmente più alto rispetto a quello dei figli la cui madre, durante la gravidanza, sarebbe ingrassata di meno di 9 chilogrammi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>