Corte costituzionale vieta fecondazione eterologa

di Vito Verna Commenta

La Corte Costituzionale avrebbe volontariamente deciso di non esprimersi poiché sarebbe compito del Parlamento approvare, promuovere o respingere leggi, ordinamenti e normative che favoriscano piuttosto che blocchino la possibilità di fecondazione eterologa anche per le coppie italiane.

Corte costituzionale vieta fecondazione eterologa

La  Corte Costituzionale italiana, recentemente interpellata in merito alla questione delle legittimità del divieto, non solamente italiano bensì della maggior parte dei Paesi dell’Unione Europea, alla fecondazione eterologa (tre, in particolare, i ricorsi che negli scorsi mesi sarebbero stati presentati all’istituzione preposta al controllo della costituzionalità di tutte le leggi dell’ordinamento italiano), avrebbe ribadito il proprio no vietando in questo modo, una volta di più, la possibilità per le coppie sposate, impossibilitate ad avere figli propri, a godere dell’esperienza di diventare genitori e vivere la propria genitorialità.

CENTRI DI ECCELLENZA OSTETRICIA E GINECOLOGIA

In realtà, più che prendere una ferma, decisa e ben precisa posizione, la Corte Costituzionale non si sarebbe espressa sulla costituzionalità della legge 40, ed in particolar modo della costituzionalità degli articoli 4, terzo comma, 12, primo comma e 9, primo e terzo comma della su indicata normativa, demandando la decisione ai singoli tribunali ricorrenti i quali, tuttavia, avrebbero ricevuto l’indicazione, direttamente dalla Corte Costituzionale, di fare riferimento, per le presenti e future cause processuali riguardanti il delicato argomento, alla sentenza della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo che, in data 3 novembre 2011, avrebbe sancito la possibilità, per i Paesi membri dell’Unione Europea, di emanare legge contrarie alla possibilità di fecondazione eterologa.

CLOASMA GRAVIDICO

La questione, per lo meno secondo quanto dichiarato dall’avvocato di Stato Gabriella Palmieri, sarebbe in realtà molto più semplice di quanto si vorrebbe oggi far credere.

INFIAMMAZIONE DELLE OVAIE

La Corte Costituzionale, infatti, avrebbe volontariamente deciso di non esprimersi sia poiché la su indicata legge 40 non presenterebbe alcun profilo di incostituzionalità sia poiché, per lo meno relativamente a questioni morali così delicate e scottanti, sarebbe compito del Parlamento, e solo e soltanto delle due Camere, approvare, promuovere o respingere leggi, ordinamenti e normative che favoriscano piuttosto che blocchino la possibilità di fecondazione eterologa anche per le coppie italiane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>