Renato Balduzzi taglia la sanità per 8 miliardi

di Vito Verna Commenta

A venir tagliati, come anticipato, saranno i fondi destinati ai farmaci, alle case farmaceutiche, alle farmacie, alle case di cura, alla libera professione intramoenia dei medici ed alla cure specialistiche.

Renato Balduzzi taglia la sanità per 8 miliardi

Il Ministro della Salute Renato Balduzzi avrebbe deciso di operare una vera e propria rivoluzione che, ne siamo sicuri, entro i prossimi cinque anni sconvolgerà il Servizio Sanitario Nazionale così come oggi lo conosciamo.

IL TICKET VERRA’ SOSTITUITO DALLA FRANCHIGIA

A partire, naturalmente, dalla razionalizzazione delle spese, dalla riduzione dei costi, dal miglioramento dell’efficienza e dalla riduzione dei ricoveri e delle prescrizioni inutili grazie ad un taglio della spesa pubblica dedicata alla sanità pari a oltre 8 miliardi di euro entro i prossimi 3 anni.

NUOVE REGOLE ESENZIONE TICKET SICILIA

A venir tagliati, come anticipato, saranno i fondi destinati ai farmaci, alle case farmaceutiche, alle farmacie, alle case di cura, alla libera professione intramoenia dei medici ed alla cure specialistiche.

AUMENTO PREZZO DEI FARMACI NEL 2011

Un decreto onnicomprensivo che, però, potrebbe scontrarsi con le decisioni del Governo Monti in merito al decreto Spending review che, entro la settimana prossima, dovrebbe venir definitivamente redatto sulle indicazioni di Enrico Bondi e che, purtroppo, potrebbe vedere il venir meno di molti dei fondamentali punti succitati quali, a titolo puramente esemplificativo, la proroga della libera professione intramoenia attualmente in scadenza alla fine di giugno 2012.

La speranza, soprattutto grazie ai provvedimenti relativi ai farmaci, giacché dovrebbe venir ridotto il tetto della spesa massima, al netto del prezzo di rimborso dei contribuenti, in carico alle Regioni ed aumentato il tetto della spesa massima in carico alle singole aziende ospedaliere, è quella che gli sprechi, e soprattutto gli usi impropri della sanità pubblica possano venir definitivamente aboliti.

A tutto ciò si aggiungerà, proprio per garantire questa benefica trasformazione, l’istituzione di fondi di garanzia a carico dei medici, che potranno prendere le proprie decisioni, in tutta coscienza, senza paura di venir denunciati per il benché minimo errore, sia la severa condanna, anche con la sospensione della licenza, di chiunque venda tabacco ai minori di anni 18.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>