Pillola per combattere il razzismo

di Vito Verna Commenta

Il farmaco in questione sarebbe un betabloccante non selettivo e, nei test di laboratorio condotti su trentasei maschi adulti di origine caucasica, si sarebbe rivelato estremamente efficacie nella sedazione dei comportamenti razzisti inconsci.

Un gruppo di ricercatori inglesi della Facoltà di Medicina dell’Università di Oxford, una delle più importanti ed antiche istituzioni universitarie britanniche, avrebbe scoperto come alcuni farmaci, solitamente usati in medicina per combattere la pressione eccessivamente alta, potrebbero venir modificati così che, invece di abbassare la pressione, possano venir utilizzati, anche in soggetti perfettamente sani, per ridurre i pregiudizi razziali inconsci.

CERVELLO IN PERENNE TENSIONE NEI MALATI DI DEPRESSIONE

Il farmaco in questione, il cui principale principio attivo sarebbe il propranololo, sarebbe un betabloccante non selettivo e, nei test di laboratorio condotti su trentasei maschi adulti di origine caucasica, si sarebbe rivelato estremamente efficacie nella sedazione dei comportamenti razzisti inconsci.

COMBATTERE LO STRESS GRAZIE AL GOSSIP

Ai volontari partecipanti all’esperimento in doppio cieco oggi alla nostra attenzione, in particolare, sarebbero state somministrate differenti dosi di propranololo (Pazienti A) o di farmaco placebo (Pazienti B) e, a due ore di distanza dall’assunzione, sarebbe stato sottoposto un semplicissimo test di associazione consistente nel collegare una serie di aggettivi, sia positivi che negativi, ad una figura simbolicamente rappresentate una persona di colore piuttosto che una persona caucasica.

ECCESSIVE PRESCRIZIONI DI PSICOFARMACI AI BAMBINI

Ebbene i risultati a codesto particolare test, essenzialmente basato sulla velocità delle associazione (maggiore sarebbe questo parametro maggiore sarebbe la sincerità del rispondente), avrebbero lasciato emergere come i Pazienti A fossero, tra tutti quelli partecipanti all’esperimento, i meno razzisti in assoluto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>