Pillola contro la depressione con effetto istantaneo in arrivo

di Fabiana Commenta

In arrivo la pillola contro la depressione con effetti immediati

medicinePresto, molto presto, potrebbe essere disponibile la pillola della felicità e con effetto istantaneo.

La nuova, rivoluzionaria pillola agirebbe in modo totalmente diverso rispetto ai più comuni antidepressivi, come il Prozac o il Celexa: mentre gli antidepressivi standard impiegano settimane, se non mesi per sortire effetti, la nuova pillola assicurerebbe risultati nell’arco di poche ore, come fosse un medicinale qualsiasi. 

 

Carlos Zarate, capo della sperimentazione al National Institute of Mental Health ha spiegato che l’obiettivo della ricerca è proprio poter ottenere un farmaco che possa agire con effetto immediato, come accade per altre diverse categorie di farmaci.

La ricerca si muove partendo dalle terapie rapide che prevedono l’uso combinato di ketamina e scopolamina, ma la novità sta nell’utilizzare in modo completamente diverso le stesse sostanze. La ketamina in realtà viene già usata come anestetico, mentre la scopolamina (a piccole dosi) viene somministrata con cerotti cutanei contro il mal di mare e mal d’auto. Il nuovo studio si concentra sulla ricerca di un antidepressivo che agisca proprio come la ketamina. 

DIETA MEDITERRANEA PREVIENE LA DEPRESSIONE

Uno dei problemi più diffusi nella cura della depressione è senza dubbio il tempo che impiegano a fare effetto, ma anche il fatto che non sempre funzionano per tutti. Secondo i ricercatori gli effetti ritardati sarebbero causati dal fatto che i farmaci agiscono indirettamente sugli inibitori della serotonina: la nuova pillola invece agirebbe direttamente sul glutamato garantendo risultati più efficaci e immediati.

Molto probabilmente ci vorranno ancora un paio di anni prima che arrivino sul mercato le pillole della felicità, ma potrebbero rappresentare una vera e propria rivoluzione.

Tra l’altro, complice la crisi economica, la depressione sta diventando un caso di emergenza nazionale anche in molti Paesi europei. Solo in Italia il consumo di antidepressivi sembra essere decuplicato nel corso degli ultimi dieci anni fino ad arrivare a un vero e proprio boom come dimostra il Rapporto Osservasalute 2012. 

 

 

 

Foto Thinkstock

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>