Novità prescrizione farmaci SSN

di Lucia Guglielmi Commenta

Il legislatore ha però evitato di far rientrare nelle nuove norme coloro cui vengono prescritti medicinali per patologie croniche precedentemente riscontrate, o per “vecchie” patologie non croniche.

Indicare nelle ricette quella che è la denominazione del principio attivo del farmaco prescritto dal medico. Questo è quanto prevede un Decreto che introduce importanti novità con vantaggi attesi sia a favore del consumatore, facilitato ad acquistare i farmaci con il prezzo più basso, ed in particolare quelli generici, sia per l’SSN, ovverosia per il Servizio Sanitario Nazionale.

Pur tuttavia nei giorni scorsi il Ministero della Salute è intervenuto con una nota ufficiale precisando cosa prevedano le nuove norme in materia di ricette e di principio attivo. Nel dettaglio, le nuove norme si applicano per i nuovi episodi di patologie non croniche, e per le prescrizioni a quei pazienti ai quali per la prima volta viene riscontrata una patologia cronica.



CONTROINDICAZIONI PRODOTTI NATURALI

In questo modo, ha sottolineato altresì il Ministero, il legislatore ha evitato di far rientrare nelle nuove norme coloro cui vengono prescritti medicinali per patologie croniche precedentemente riscontrate, o per “vecchie” patologie non croniche.

SISTEMA HI-TECH DI AUTODIAGNOSI

Questa scelta è determinata dal fatto, anzi dall’ampio dibattito, peraltro controverso, secondo cui potrebbero esserci degli inconvenienti nel passaggio da una terapia ad un’altra attraverso medicinali differenti pur avendo la stessa composizione ed in particolare lo stesso principio attivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>