L’alcol aumenta il rischio di cancro al seno

di Vito Verna Commenta

Oggi veniamo a conoscenza, a dire il vero con un certo sgomento, del fatto che proprio le patologie oncologiche maggiormente sensibili ai recettori degli estrogeni potrebbero venir causate proprio dall'assunzione di alcol

L'alcol aumenta il rischio di cancro al seno

Capire, oggi come oggi, cosa possa scatenare il cancro al seno, così come ogni altra patologia oncologica, piuttosto che ridurre il rischio che una donna di qualsiasi età contragga codesta malattia, è veramente difficile se non addirittura impossibile.

TUMORE AL POLMONE COLPISCE SEMPRE PIU’ DONNE

Nonostante, infatti, in un nostro recentissimo articolo saremmo stati pronti a giurare, in accordo con i ricercatori del Cedars – Sinai Medical Center di Los Angeles, che un bicchiere di vino rosso al giorno non potesse che essere un toccasana, grazie al proprio ricco contenuto di polifenoli ed alla propria indiscussa capacità di ridurre i livelli di estrogeni specie nelle donne in pre-menopausa.

CANCRO AL SENO LEGATO A VARIAZIONE GENETICA

Oggi, invece, veniamo a conoscenza, a dire il vero con un certo sgomento, del fatto che proprio le patologie oncologiche maggiormente sensibili ai recettori degli estrogeni, quali, per l’appunto, il cancro al seno, potrebbero venir causate proprio dall’assunzione di alcol, in particolare di vino rosso, e che ogni bicchiere di alcol consumato nell’arco della giornata contribuirebbe ad aumentare il rischio addirittura del 5%.

OLIO DI OLIVA PREVIENE I TUMORI AL SENO

L’indagine, condotta dai ricercatori dell’Istituto Farmacologico Mario Negri con la collaborazione dell’Università Bicocca di Milano e dell’Università Ruprecht Karl di Heidelberg, avrebbe coinvolto oltre 100.000 donne affette da cancro al seno, suddivise in bevitrici moderate e non bevitrici, e, come poc’anzi anticipato, avrebbe rivelato come il consumo di alcolici, seppure moderato ed in totale contrasto con quanto sino ad oggi emerso dalle ricerche, potrebbe causare il cancro al seno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>