Influenza: ecco i primi 2 virus

di Elena Botta Commenta

i medici sono riusciti ad isolare i primi due virus influenzali di questa stagione

influenza-suina-cause-effetti

Qualche giorno fa abbiamo descritto i sintomi di questa nuova influenza denominata australiana che in Italia ha già iniziato a mietere le prime vittime.
Ieri, i medici sono riusciti ad isolare i primi due virus influenzali di questa stagione: infatti l’Università di Milano ha segnalato di aver isolato il virus di tipo A, sottotipo H1N1V, da un campione prelevato da una donna che non si era sottoposta al vaccino antinfluenzale, mentre l’Università di Perugia ha classificato ed isolato un secondo virus influenzale sempre di tipo A, ma che non ha ancora un sottotipo.
Ricordiamo che lo scorso anno sono state registrate delle trasformazioni genetiche del virus H1N1 sugli animali che hanno fatto supporre uno sviluppo maggiore dell’influenza con casistiche molto più virulente e difficili da combattere con i farmaci.



Per adesso però i medici non parlano ancora di pandemia, e dicono che basta utilizzare il vaccino che è attualente in commercio in tutte le farmacie d’Italia per riuscire a debellare il virus, sottolineando anche l’importanza di vaccinare le persone a rischio, quali anziani over 65 e bambini più soggetti a contrarre la malattia.
E’ importante anche, dicono i medici, di seguire una dieta corretta per prevenire l’influenza, composta principalmente da minerali e vitamine atti a debellare il virus e a rinforzare le difese immunitarie.
E’ molto importante anche, come sottolinea il Ministero della Salute, di avere una corretta igiene, lavarsi spesso le mani che sono portatrici di batteri e proteggere le vie respiratorie.
Quindi ci si può ancora vaccinare fino alla fine dell’anno, dopo poi il vaccino non ha più valenza in quanto il virus ormai è già stato contratto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>