Farmaci omeopatici sempre più diffusi tra la popolazione italiana

di Vito Verna Commenta

L'apprezzamento di codeste naturali soluzioni sarebbe negli ultimi anni cresciuto così tanto che, nel 2011, almeno un italiano su sei avrebbe fatto uso di almeno un medicinale omeopatico.

Farmaci omeopatici sempre più diffusi tra la popolazione italiana

Potranno anche non aver mai dimostrato efficacia alcuna, se non quella naturalmente indotta dal blando e scontato effetto placebo, ma sarebbero, comunque, tra i farmaci ed i rimedi medici naturali in assoluto più apprezzati ed utilizzati, specialmente nel caso in cui la patologia da trattare non sia assolutamente severa o grave, da tutti gli italiani.

CONTROINDICAZIONI PRODOTTI NATURALI

Stiamo ovviamente parlando, nel caso in cui non si dovesse essere ancora capito, dei prodotti omeopatici che, da alcuni anni a questa parte, avrebbero cominciato a conquistare sempre più ampie fette di mercato sino a divenire un vero e proprio, a tratti irrinunciabile se non addirittura indispensabile, must have del proprio armadietto dei medicinali.

I 38 FIORI DI BACH

L’apprezzamento di codeste naturali soluzioni, come avrebbero avuto modo di appurare gli esperti dell’istituto di statistica DoxaPharma, che avrebbero negli scorsi mesi realizzato un’accurata indagine del fenomeno per conto dell’associazione di categoria Omeoimprese, sarebbe negli ultimi anni cresciuto così tanto che, nel 2011, almeno un italiano su sei avrebbe fatto uso di almeno un medicinale omeopatico.

IPERICO E CURA NATURALE DELLA DEPRESSIONE

Inoltre, nonostante non ne facciano un assiduo utilizzo ne, probabilmente li abbiamo mai utilizzato, addirittura un italiano su due si sarebbe sia detto sicuro dell’assoluta e dimostrata efficacia del medicinali omeopatici sia rassicurato dalla mole di informazioni scientifiche che, sull’argomento, sarebbe tranquillamente possibile reperire online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>