Braccialetto elastico per curare la nausea da emicrania

di Fabiana Commenta

Un semplice braccialetto elastico e senza effetti collaterali per liberarsi dalla nausea da emicrania

mal-di-testa1Molto spesso il forte dolore dell’emicrania può essere associato a una fastidiosa e violenta nausea.

Ma basta un semplice braccialetto per liberarsi della nausea che accompagna l’emicrania: l’innovativo metodo è stato presentato ieri in occasione del convegno internazionale del centro cefalee del Besta ”Pain, Emotion and Headache” che si svolge a Stresa fino al prossimo 25 maggio. 

Il nuovo braccialetto in questione è elastico e in pratica funziona più o meno come quelli i braccialetti che vengono utilizzati per il mal d’auto o per il mal di mare. 

Lo studio condotto da Giovanni Allais, responsabile del Centro cefalee della donna dell’Ospedale Sant’Anna di Torino, ha dimostrato che si tratta di un rimedio che è risultato efficace addirittura all’80% sui pazienti emicranici su sui è stato sperimentato.

Il braccialetto elastico funziona utilizzando la tecnica dell’agopuntura, legato alla medicina cinese.

In pratica il braccialetto va indossato correttamente su un punto particolare, il cosiddetto agopunto Pc6 che corrisponde al punto Neiguan della medicina cinese: per individuarlo è necessario trovare la distanza di tre dita dalla piega del polso.

 

PIANTE CHE AIUTANO CONTRO L’EMICRANIA

 

Gli studi hanno dimostrato che una volta che è stata eliminata la nausea, anche l’emicrania sembra diminuire: il trattamento è risultato efficace nel 28% nei casi dopo 60 minuti di applicazione, del del 40% in 120 minuti e del 59% a 240 minuti.

Il braccialetto è assolutamente privo di effetti collaterali e può essere tranquillamente utilizzato sui bambini e sulle donne in gravidanza. Tra l’altro sono riutilizzabili fino a un massimo di 50 volte e possono essere lavati. 

 

L’emicrania è un tipo di mal di testa particolarmente doloroso che si presenta su un lato della testa, vicino alle tempie, alla fronte e agli occhi. Possono presentarsi anche altri sintomi, come l’ipersensibilità alla luce, ai suoni, affaticamento, nausea o vomito. Il dolore può essere molto acuto tanto da impedire la normale esecuzione delle attività quotidiane: se non viene curato può anche durare tre o quattro giorni. 

 

Foto Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>