Lombalgia cronica: più efficaci le cure con l’agopuntura?

di Luca Bruno 2

le persone che soffrono di lombalgia cronica, il comune mal di schiena, ricevono maggiori benefici dall'agopuntura, vera o simulata, che dalle cure tradizionali.

agopuntura

Secondo uno studio pubblicato recentemente sull’autorevole rivista Archives of Internal Medicine, le persone che soffrono di lombalgia cronica, il comune mal di schiena, ricevono maggiori benefici dall’agopuntura, vera o simulata, rispetto a coloro che sono curati solo con le cure convenzionali.
Lo studio è stato effettuato su un numero elevato di pazienti adulti, 600, che non erano mai state sottoposte in passato all’agopuntura suddivisi in quattro gruppi.

al primo gruppo è stata applicata un cura di agopuntura localizzata e personalizzata eseguita da un medico esperto; il secondo gruppo invece è stato sottoposto ad una seduta di agopuntura generica interessando i punti che normalmente sono indicati nella cura delle lombalgie, ma senza un programma personalizzato; il terzo gruppo è stato sottoposto ad una seduta di agopuntura simulata, ovvero senza l’utilizzo degli aghi ma con dei normali stuzzicadenti, senza quindi la penetrazione sottopelle.

Infine il quarto gruppo è stato sottoposto ad un ciclo di cure tradizionali, con farmaci e terapia fisica.
L’esperimento è durato otto settimane dopo le quali si sono avuti risultati interessanti. Innanzitutto i primi tre gruppi, che si sono sottoposti all’agopuntura hanno ottenuto miglioramenti considerevolmente più elevati rispetto al quarto gruppo, che ha ricevuto cure convenzionali.
Ma la cosa forse più interessante è che la differenza tra gli effetti delle tre diverse applicazioni di agopuntura, quella personalizzata, quella generica e quella simulata non è stata quasi per nulla significativa.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>