Effetti collaterali negativi abbigliamento femminile

di Fabiana Commenta

Quando la moda fa male: gli accessori e gli indumenti femminili che possono provocare fastidiosi effetti collaterali:

Chi bella vuol comparire qualche pena deve soffrire recita un vecchio adagio. E molto spesso le donne sembrano essere pronte davvero a tutto pur di apparire al loro meglio sfoggiando spesso accessori e indumenti che si rivelano essere dannosi per la propria salute.

Ma è arrivato il momento di badare non solo all’estetica, ma anche alla propria salute: una recente ricerca condotta dalla British Osteophatic Association ha messo in evidenza i numerosi effetti collaterali e negativi che le donne accusano a causa delle loro incaute scelte in fatto di stile.

Sotto accusa soprattutto la biancheria intima inadeguata (soffrono di fastidi del genere sei donne su dieci). I tanga ad esempio devono essere confortevoli per evitare sfregamenti e anche la coppa di reggiseno più piccola della propria taglia causa problemi e dolore.

RIMEDI PER LE CONTRATTURE MUSCOLARI

Le cinture strizzate ad esempio provocano dolore ai fianchi e ipersensibilità cutanea. Anche le borse da tracolla possono essere particolarmente dannose (causano problemi a quattro donne su dieci): portarle sull’avambraccio o sulla spalla possono provocare la contrattura del trapezio.

Il problema risiede molto spesso anche nel fatto che le donne tendono a sovraccaricare la borsa con un peso eccessivo: in questo caso sarebbe meglio distribuire il peso preferendo uno zainetto.

Secondo la società britannica le donne dovrebbero fare maggiore attenzione a una serie di problemi che vengono ingiustamente sottovalutati. Insomma la moda a volte fa male e sarebbe il caso di cominciare a gettare un occhio non solo allo stile, ma anche alla salute.

Foto Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>