Danni cannabis alla memoria ed al cervello

di Lucia Guglielmi Commenta

La gravità di questi danni da consumo di marijuana sono inoltre strettamente collegati all’età in cui si inizia, il che significa che i rischi per la salute, stando alla ricerca, sarebbero più elevati tra i giovani.

I consumatori abituali di cannabis farebbero bene a stare alla larga dagli spinelli di marijuana in quanto fanno male al cervello ed alla memoria. Questo almeno stando a quanto emerso da uno studio condotto in Australia da dei ricercatori in accordo con quanto riportato dal sito Internet dello “Sportello dei Diritti”, www.sportellodeidiritti.org.

La gravità di questi danni da consumo di marijuana sono inoltre strettamente collegati all’età in cui si inizia, il che significa che i rischi per la salute, stando alla ricerca, sarebbero più elevati tra i giovani.



LA CANNABIS DANNEGGIA I POLMONI QUANTO IL FUMO

Il Rapporto dei ricercatori australiani rivela come i danni non siano solo legati alla memoria ed al cervello, ma anche all’apprendimento. Si è arrivati a questa conclusione andando a confrontare le immagini celebrali, attraverso la risonanza magnetica, di una sessantina di persone che hanno dichiarato di consumare cannabis da quindici anni, con una trentina di persone che invece non hanno mai toccato uno spinello.


DROGHE LEGALI IN ITALIA

E tra coloro che fumano cannabis abitualmente, e che hanno iniziato ad un’età precoce, i danni cerebrali rilevati sono risultati essere maggiori. Insomma, fidandoci degli australiani, anche se la cannabis viene definita spesso come una “droga leggera“, i danni ed i rischi per la salute per molti rischiano di essere pesanti, pesantissimi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>