Come evitare allergie da trucco di Carnevale per i bambini

di Fabiana Commenta

Meglio i prodotti ipoallergenici. Attenzione alla fase struccante e al risciacquo con acqua e sapone

La settimana di Carnevale è in pieno svolgimento e fino a martedì grasso tutti i bambini potranno mascherarsi e truccarsi a volontà. Ma se il Carnevale non è solo una questione da piccoli, è anche vero che proprio i bambini corrono i rischi maggiori di incappare in qualche allergia.

Tutta colpa dei trucchi a tema che vengono scelti dagli adulti per truccare sul viso dei bambini, ma senza prestare la necessaria attenzione. Come sempre prevenire è meglio che curare. Attenzione dunque alla scelta dei prodotti di make up; meglio optare per prodotti ipoallergenici che evitano possibili, eventuali irritazioni. Gli esperti spiegano che la pelle dei bambini è particolarmente delicata e può andare incontro a sensibilizzazioni e a irritazioni di vario genere.

Con i prodotti ipoallergenici che possono essere acquistati in farmacia il rischio tende notevolmente a ridursi. Attenzione anche alla fase post trucco: una volta terminata la festa è assolutamente necessario struccare con estrema attenzione il volto del bambini con l’apposito struccante, meglio se delicato. Poi risciacquare il volto del bimbo con acqua e sapone. Attenzione perché se il bambino manifesta insofferenza o si gratta in viso è bene rimuovere immediatamente il trucco che potrebbe essere la causa scatenante dei fastidi.

Meglio non sottovalutarli e intervenire subito rimuovendo il trucco ed eventualmente curare subito l’irritazione: in questi casi è indicata una crema a base cortisonica e creme idratanti da applicare in un secondo momento, Se ben curata l’irritazione sparisce generalmente nell’arco di 24-48 ore, ma nel caso in cui l’irritazione venga trascurata può invece scatenare sovrainfezioni.

 EFFETTI COLLATERALI ANTIBIOTICI

In questo sarà il medico a prescrivere gli antibiotici adatti che potranno essere assunti per via orale o come applicazione diretta e locale. In ogni caso monitorare il bambino e tagliargli le unghie onde evitare che si gratti sulla zona irritata e che possa peggiorare l’infezione.

Foto Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>