Lavorare in piedi fa bene alla salute

di Fabiana Commenta

Lavorare tre ore in piedi fa bene alla circolazione e aiuta a dimagrire

Fate un lavoro sedentario e rimanete ore e ore seduti davanti alla scrivania? Il rischio di sviluppare malattie e di ingrassare è considerevolmente alto.

Al contrario, lavorare in piedi da bene alla salute, previene le malattie e aiuta anche a dimagrire: basta dimenticarsi della sedia per qualche ora al giorno e magari lavorare su una scrivania più alta del normale  che consenta di lavorare senza troppe difficoltà e sforzi per la schiena in piedi e trarre immediati benefici.

I benefici di abbandonare la sedia per qualche ora al giorno vengono confermati da uno studio condotto da John Buckley, dell’Università di Chester (Uk) – Department of Clinical Sciences and Nutrition.

I dati raccolti da Buckley, che dà il buon esempio lavorando per primo in piedi davanti a una scrivania più alta del normale, progettata e utilizzata già negli Anni Quaranta, dimostrano che effettivamente lavorare in piedi per tre o più ore al giorno consentono di bruciare mediamente 144 calorie, circa 3,6 chili di grasso nell’arco di un anno.

Inoltre Buckley pone l’attenzione sul fatto che l’essere umano è programmato non per stare seduto, ma per essere in movimento: lavorare in piedi andrebbe in effetti a conciliare le due diverse necessità e in questo modo si riduce la sedentarietà, si evita l’obesità e si migliora la circolazione sanguigna.

SINTOMI DELLA SINDROME GINOCCHIO DELLA SCRIVANIA

Secondo Buckley gli effetti positivi della nuova abitudine potranno concretamente manifestarsi a lungo andare sia per la salute sia per l’efficienza del nostro fisico. Cambiare in meglio il nostro stile di vita è possibile e molto spesso è sufficiente seguire una serie di piccoli accorgimenti.

Foto Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>