Il dentista contro l’ictus

di Elena Botta Commenta

Già è stato detto che l'igene orale è direttamente correlata alla prevenzione delle malattie cardiovascolari e che lavarsi i denti aiuta a proteggere il cuore

strumenti-dentista

Già è stato detto che l’igene orale è direttamente correlata alla prevenzione delle malattie cardiovascolari e che lavarsi i denti aiuta a proteggere il cuore.
Questo perchè i batteri che si formano all’interno della bocca possono entrare in circolo nel sangue attraverso le ferite o i tagli nelle gengive e formare coaguli nel sangue determinando così infarti ed ictus.
Recarsi dal dentista regolarmente aiuta quindi a prevenire malattie cardiovascolari, ma è una strategia che però funziona soltanto per le donne.



Curare eventuali infiammazioni orali aiuta a combattere di un terzo l’insorgenza di questo tipo di patologie, proprio perchè i batteri che si annidano all’interno della bocca vengono eliminati con un’accurata pulizia e non entrano in circolo nel sangue. Perchè questo tipo di prevenzione funzioni solo per le donne non risulta ancora molto chiaro ai medici, ma si pensa che ciò sia dovuto al fatto che le persone di sesso femminile siano molto più attente alla salute rispetto ai maschi.
In primis grazie anche ad un’alimentazione corretta, come ad esempio l’assunzione di verdure e di pesce che aiuta, grazie alla presenza degli acidi grassi omega 3, a prevenire infarti ed ictus.
Sicuramente un corretto stile di vita aiuta a prevenire l’insorgenza delle malattie cardiovascolari e la pulizia orale è fondamentale per non incorrere anche in altri spiacevoli disturbi, quali carie o tartaro che possono portare ad ascessi o altre patologie che provocano mal di denti (uno dei dolori peggiori che gli essere umani possono provare dopo il parto o le coliche renali).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>