Cavitazione contro la cellulite

di Elena Botta Commenta

La cavitazione estetica è una terapia che ha lo scopo di combattere la cellulite tramite gli ultrasuoni che sciolgono il grasso in eccesso.

In questi giorni abbiamo trattato dei diversi rimedi per combattere la cellulite, come la mesoterapia, la microterapia e l’elettrolipolisi e oggi vogliamo parlare della cavitazione.
La cavitazione estetica è una terapia che ha lo scopo di combattere la cellulite tramite gli ultrasuoni che sciolgono il grasso in eccesso.


La cavitazione è conosciuta da diversi anni nel settore medico-chirurgico, ed è spesso utilizzata in abbinamento agli interventi di liposuzione.
L’innovazione che si ha con questa terapia è che si combatte il tessuto adiposo ed il grasso sottocutaneo in maniera non invasiva, dato che il trattamento si effettua dall’esterno e si possono raggiungere buoni risultati a costi sicuramente molto inferiori rispetto ad un intervento chirurgico.

Di solito per ottenere risultati visibili si va da un minimo di 6 e si arriva a 10 sedute (una a settimana) per raggiungere gli obiettivi prefissati.
Ogni seduta permette di ridurre di un paio di centimetri la circonferenza di cosce, ventre e glutei, ed i risultati sono stabili nel tempo se vengono abbinati ad un corretto stile di vita, una alimentazione sana e ricca di frutta e verdura ed un po’ di esercizio fisico.

Questa terapia si basa sull’utilizzo degli ultrasuoni che attaccano il grasso sottcutaneo sciogliendolo, liberando poi in circolo i lipidi che vengono metabolizzati dal fegato ed espulsi tramite le urine: per un risultato ottimale è bene associarla ad un ciclo di massaggi drenanti.

In media ogni seduta costa tra i 120-160 euro e, come abbiamo detto prima, ne sono necessarie una decina al’incirca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>