Blefaromix per ringiovanire lo sguardo

di Fabiana Commenta

Tempi di recupero ridotti per ringiovanire lo sguardo prima dell’estate

occhiSi chiama blefamorix e indica tutta quella serie mini interventi invasivi di chirurgia estetica che consentono di ringiovanire lo sguardo. 

Togliere la stanchezza accumulata durante l’anno e presentarsi al meglio per l’estate è possibile anche adesso secondo quanto spiega Patrizia Gilardino, chirurgo estetico di Milano, socio Aicpe e Sicpre.

Le nuove tecniche consentono tempi di recupero decisamente più brevi rispetto al passato e offrono la possibilità di potersi godere anche le vacanze estive senza il timore di non potersi esporre al sole. Gli esperti spiegano che alcuni interventi possono essere programmati ed eseguiti anche ora: il tempo di recupero è di circa un mese e si può addirittura andare al mare in agosto, naturalmente seguendo una serie di piccoli accorgimenti. 

La blefaroplastica, il ringiovanimento degli occhi, è uno degli interventi più richiesti attualmente visto che proprio lo sguardo è uno dei primi elementi del viso a risentire non solo del tempo che passa, ma anche dello stress accumulato e in generale delle pessime abitudini di vita (dal sonno arretrato, all’alcool al fumo).

Eliminare le borse e le occhiaie o illuminare lo sguardo rappresenta allora il primo passo per poter ringiovanire il viso e adesso anche con ottimi risultati e con tempi di recupero molto contenuti. 

La blefaroplastica nel corso degli anni si è notevolmente evoluta e attualmente esistono diverse tecniche di intervento proprio in base alle diverse esigenze del paziente.

Tutto merito delle nuove tecniche che il più delle volte si concentrano sulla blefaroplastica superiore: in questo caso si va ad intervenire sul cedimento della pelle, noto anche come ptosi (sintomi, diagnosi e cura), e si abbina l’intervento di lipofilling che migliora l’apertura sull’arcata sopracciliare e apre lo sguardo.

Con la blefaroplastica transcongiuntivale e il trattamento laser si va invece a trattare la parte inferiore dell’occhio, interessata soprattutto da borse e occhiaie: una tecnica combinata che consente addirittura di non avere cicatrici esterne.

 

 

Foto Thinkstock

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>