Perdonare aiuta la salute del cuore

di Fabiana Commenta

Il perdono aiuta il cuore e l’apparato cardiocircolatorio. La ruminazione psicologica rappresenta invece un rischio per la salute...

È già noto come il carattere possa influire, positivamente o negativamente, sulla nostra salute andando anche a determinare in qualche modo l’efficacia della cure. E perdonare fa bene al cuore.

Un’ulteriore conferma scientifica di quanto il nostro carattere possa determinare anche il nostro stato di salute, arriva da un recente studio condotto dai ricercatori del Department of Psychology and Philosophy dell’University of California di San Diego (Stati Uniti), recentemente pubblicata sulla rivista Psychosomatic Medicine.

 

Secondo l’indagine condotta, il gesto del perdono, il superamento della rabbia nei confronti di qualcuno, aiuterebbe la salute del cuore e dell’intero apparato cardiovascolare. Lo studio condotto è il primo nel suo genere mettendo in evidenza l’importanza del perdono, non solo in un preciso momento, ma nel corso del tempo.

LE DIECI REGOLE PER PROTEGGERE IL CUORE

Ciò significa che gli effetti positivi del perdono sul cuore si concretizzano soprattutto nel momento in cui l’individuo riesce a superare il momento della cosiddetta ruminazione psicologica che anche a distanza di tempo va a riattivare la rabbia (e danneggia il cuore).

In pratica non si deve, o non si dovrebbe, ripensare all’accaduto, ma superarlo. Solo in questo modo si va ad attivare un meccanismo che abbassa i parametri cardiovascolari.

I ricercatori hanno monitorato 200 studenti universitari cui è stato chiesto di ripensare e un’offesa subita (anche molto tempo prima) e successivamente di ripensarci, ma questa volta perdonando la persona che aveva causato l’offesa mentre venivano monitorati i loro parametri cardiovascolari (pressione arteriosa, massima e minima, frequenza cardiaca etc).

 

Confrontando i dati nei due distinti momenti è risultato che la rabbia e la ruminazione psicologica (o la sua riattivazione) ha causato maggiore probabilità di sviluppare disturbi cardiovascolari rispetto che la condizione di perdono. E anche se lo studio avrà necessità di ulteriori conferme, è anche vero che perdonare di sicuro fa bene alla salute…

Foto Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>