Durante le festività aumentano gli attacchi cardiaci

di Luca Bruno Commenta

I ricercatori hanno valutato che i casi di attacchi cardiaci e di decessi nella contea di Los Angeles aumentano del 33% durante i mesi compresi tra novembre e gennaio, e che il picco si verifica tra Natale e Capodanno.

natale

Se precedenti ricerche avevano appurato esserci un aumento dei casi di attacchi di cuore durante il periodo invernale, questo era stato attribuito al fatto che il freddo potesse essere in qualche modo responsabile dell’aumento dei casi, perchè metteva a dura prova il cuore. Tuttavia, un recente studio, durato 12 anni e condotto nella contea di Los Angeles, ha evidenziato che tale associazione non è comprensibile perchè qui l’inverno è mite, e quindi non si può imputare al freddo le ragioni dell’aumento del numero di attacchi cardiaci. La ragione deve essere un’altra.

I ricercatori hanno valutato che i casi di attacchi cardiaci e di decessi nella contea di Los Angeles aumentano del 33% durante i mesi compresi tra novembre e gennaio, e che il picco si verifica tra Natale e Capodanno.

Considerando svariate possibilità, gli scienziati sono giunti alla conclusione che lo stress emotivo associato alle vacanze ed alle festività potrebbe essere tra i fattori primari.

Ma in quale modo lo stress colpisce il sistema cardiovascolare?

Lo stress stimola il sistema nervoso simpatico, provocando il rilascio di catecolamine, le quali contribuiscono ad aumentare la frequenza cardiaca, la pressione arteriosa, e la forza delle contrazioni del cuore.

Questo può avere come effetto quello di aumentare la pressione del sangue sugli accumuli di placche presenti nelle arterie, il che può anche provocare il loro distacco dalle pareti delle arterie rischiando di andare a bloccare il flusso sanguigno.

Il distacco delle placche potrebbe anche causare la formazione di coaguli di sangue, con le stesse conseguenze di interruzione del flusso di sangue.

Oltre ad aumentare la possibilità di distacco delle placche la stimolazione del sistema nervoso simpatico può innescare aritmie, durante le quali il cuore comincia a battere più velocemente oppure in modo irregolare.

Lo studio è stato pubblicato, in versione podcast, su Life Lines, organo della American Physiological Society.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>