Accumulo di calcio nelle arterie può causare malattie cardiache

di Fabiana Commenta

Esiste un concreto legame fra l’accumulo eccessivo di calcio nelle arterie e lo sviluppo di malattie cardiache. Lo studio americano.

cuoreTroppo calcio nelle arterie può causare malattie cardiovascolari e cardiache fino a provocare infarti e ictus.

Secondo un recente studio condotto presso il Los Angeles Biomedical Research Institute (LA BioMed) e pubblicato sul Journal of American College of Cardiology, i livelli alti di calcio nelle arterie aumenterebbero addirittura di sei volte il rischio di attacco di cuore e il rischio di malattie coronariche.

I pazienti che presentano accumuli di calcio nelle arterie coronarie dovrebbero essere sottoposti a monitoraggi costanti perché il rischio di subire attacchi di cuore per loro è notevolmente elevato. Secondo Matthew Budoff, uno degli autori principali dello studio, è chiaro che all’aumento dell’accumulo del calcio delle arterie corrisponde il rischio maggiore  di sviluppare malattie del cuore. 

I ricercatori statunitensi hanno condotto il loro studio verificando il rischio cardiovascolare di 6.778 volontari, uomini e donne, di età compresa tra i 45 e gli 84 anni che presentavano una precedente malattia coronarica e che erano iscritti al Multi-Ethnic Study of Atherosclerosis (MESA). Attraverso le analisi e gli esami i ricercatori hanno rilevato che la metà degli individui presi in considerazione presentava accumuli di calcio nelle arterie fin dall’inizio dello studio e quindi dopo aver sofferto di una malattia coronarica.

Nel corso dello studio, durato 2 anni e mezzo, i livelli di calcio degli individui sono ulteriormente aumentati e monitorati attraverso la Tomografia Computerizzata (TC): alla fine chi aveva un accumulo di calcio in 330 o più unità, presentava un rischio sei volte maggiore di sviluppare malattie coronariche o di essere colpiti da evento cardiaco.

FRUTTA E VERDURE RICCHE DI POTASSIO PREVENGONO ICTUS E MALATTIE CARDIACHE

Secondo gli studiosi i monitoraggi sono indispensabili per intervenire in tempo con opportuni cambiamenti dello stile di vita e ridurre concretamente le malattie cardiache e coronariche. La prevenzione torna in primo piano ancora una volta perché uno stile di vita sano abbinato a un’alimentazione corretta possono contribuire a ridurre quelle che restano le maggiori fra le cause di mortalità del mondo occidentale.

Foto Thinkstock

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>