Lavare i denti subito dopo i pasti non danneggia lo smalto

di Fabiana Commenta

Sfatato un mito: non è necessario aspettare 30 minuti prima di lavare i denti, anzi spazzolino e filo interdentale vanno utilizzati subito per evitare la proliferazione di batteri

Aspettare trenta minuti prima di lavare i denti con lo spazzolino aiuta a non creare danni allo smalto: non è solo una convinzione tanto diffusa quando infondata, ma un vero e proprio mito da sfatare.

Lo sostiene Nicola Esposito, Segretario Nazionale dell’Andi, l’Associazione nazionale dentisti italiani secondo cui invece lo spazzolino, il dentifricio e il filo interdentale vanno usati immediatamente dopo i pasti o al massimo entro la mezz’ora successiva.

Solo in questo modo si riesce a limitare il rischio di riproduzione dei batteri che agiscono sui residui di cibo posti sui denti per potersi moltiplicare. In particolare il rischio di carie è proprio legato da quanto resta attaccato sulla superficie dei denti, dunque prima si puliscono, meglio è.

Per limitare il rischio di carie e preservare la salute dei denti è bene seguire le regole della corretta igiene orale puntando sull’educazione anche infantile. I denti vanno lavati immediatamente dopo aver consumato cibi, magari particolarmente dannosi, come la cioccolata e gli zuccheri in generale che sono terreno fertile per la riproduzione dei batteri.

CIBI UTILI PREVENZIONE CARIE 

Il segretario nazionale dell’Andi ricorda anche una serie di altre regole importanti, come ad esempio quella di cambiare lo spazzolino, almeno ogni tre mesi in modo tale che le setole restino sempre compatte per poter effettuare efficacemente il proprio lavoro. Quando si acquista lo spazzolino sarebbe preferibile scegliere le setole medie che sono più delicate in modo tale da limitare il rischio di usure o abrasioni con un utilizzo troppo energico dello spazzolino.

MARZO 2013 VISITE GRATUITE PER LA SALUTE E LA PREVENZIONE ORALE

E le gomme da masticare, tanto demonizzate, si rivelano invece ottime sostitute dello spazzolino e del dentifricio quando si è fuori casa: in questo caso meglio preferire una gomma al fluoro che possa eliminare eventuali residui di cibo per neutralizzare i batteri. E se gli ultimi dati indicano che la crisi economica sta incidendo anche sul risparmio delle cure odontoiatriche rimandate a tempi migliori, è anche vero che i problemi potrebbero ripresentarsi nel corso del tempo in forma anche aggravata.

 

È consigliabile seguire le buone regole dell’igiene orale e sottoporsi a una visita di controllo almeno ogni sei mesi. 

 

 

 

Foto Thinkstock

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>