Legame tra allergia stagionale e depressione

di Luca Bruno Commenta

I sintomi dell'allergia possono influire in maniera sensibile sull'umore, secondo una recente ricerca.

fiore

Le allergie stagionali non significano solo tosse, starnuti e prurito, ma potrebbero anche influenzare l’umore. E’ quanto affermano ricercatori della School of Medicine della University of Maryland che hanno di recente presentato i dati di una loro ricerca al meeting annuale della American Psychiatric Association che si tiene in questi giorni a New Orleans.
Depressione ed allergie stanno diventando disturbi molto comuni, hanno affermato i ricercatori in una nota, e sicuramente queste ultime influiscono in maniera sensibile sull’umore ed in generale sulla qualità della vita.
In recenti studi statistici si è rilevato che le particelle di polline fluttuanti nell’aria hanno dei picchi di diffusione in primavera ed in parte anche in autunno, stagioni nelle quali si registra anche un picco nel numero dei suicidi.

I ricercatori hanno quindi voluto verificare se tra i due fenomeni ci fosse un qualche legame.

Per verificarlo hanno monitorato la condizione di salute di un centinaio di volontari residenti a Washington e Baltimora, città dove si registra un maggior numero di casi di depressione.

Circa la metà dei partecipanti risultavano allergici al polline di alberi e graminacee, mentre l’altra metà no.

I volontari sono stati visitati in diversi periodi dell’anno, ed in diverse stagioni, misurando quanto nel loro organismo fossero alti i livelli degli anticorpi IgE, un marcatore della sensibilità agli allergeni.

I pazienti con disturbi depressivi che sono anche allergici hanno registrato, esposti agli allergeni, un peggioramento significativo dell’umore, risultando quindi maggiormente vulnerabili alla depressione nei periodi in cui sono più diffusi gli allergeni nell’aria.

Trattare l’allergia potrebbe quindi contribuire ad impedire lo scatenarsi di sintomi della depressione hanno suggerito i ricercatori.

I risultati della ricerca potrebbero inoltre aiutare a capire quanto di biologico e quanto di psicologico ci sia nella depressione, quando associata a fenomeni di allergia.

Per ora i ricercatori ritengono che potrebbe esserci una base biologica dietro il fenomeno, anche se non è chiaro quale rapporto di causa/effetto ci sia tra allergie e depressione.

Sicuramente, concludono, se non si riesce a respirare, se non si dorme bene e ci si sente a pezzi, e se questa condizione dura per tutta la stagione del polline, l’umore non può essere dei migliori.

Non è come per il raffreddore che in un paio di giorni passa, per le persone che soffrono di allergia i sintomi durano un intera stagione, e talvolta anche per tutto l’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>