Ipertrofia dei turbinati, cos’è e come si cura

di Elena Botta Commenta

Può capitare di non riuscire a respirare bene a causa del naso sempre tappato e se la cosa perdura per diversi giorni, non si può parlare di un normale raffreddore ma si potrebbe trattare di qualcosa di più grave come per esempio l'ipertrofia dei turbinati nasali.

starnuto

Può capitare di non riuscire a respirare bene a causa del naso sempre tappato e se la cosa perdura per diversi giorni, non si può parlare di un normale raffreddore ma si potrebbe trattare di qualcosa di più grave come per esempio l’ipertrofia dei turbinati nasali.
I turbinati, che si trovano all’interno delle fosse nasali, sono tre formazioni ossee rivestite dalla mucosa e svolgono la funzione di riscaldamento, umidificazione, depurazione e regolazione del flusso dell’aria che viene inspirata.
Può capitare che i turbinati inferiori diventino più grandi (ipertorfia appunto) a causa di riniti allergiche o per cause aspecifiche come le variazioni di umidità o di temperatura o a causa dell’assunzione di farmaci di base ormonale provocano l’ostruzione nasale.
Questo fenomeno può diventare irreversibile e accentuarsi durante la notte (tanto da provocare le apnee notturne) perchè la posizione sdraiata aumenta la congestione dei turbinati e questo porta con sè anche altri problemi come la rinorrea, la starnutazione, il prurito nasale, la iposomia, la cefalea e il russamento.
La maggior parte delle persone che avvertono questi sintomi utilizzano spray nasali vasocostrittori che apportano solamente un beneficio transitorio che porta a peggiorare la situazione in quanto si verifica la rinite medicamentosa.
La terapia nei casi lievi comprende l’utilizzo di antistaminici, cortisonici per via nasale o per via sistemica, aiutando a controllare gli altri fastidiosissimi sintomi sopra elencati.
Se questa cura non fosse abbastanza si ricorre ad un’operazione chirurgica che serve a ridurre il volume dei turbinati per creare un passaggio all’aria che viene inspirata.
L’operazione viene effettuata con un laser ed è eseguibile tranquillamente a livello ambulatoriale, anche perchè prevede soltanto l’anestesia locale.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>