Allergie estive a causa di insetti e pesce crudo

di Vito Verna Commenta

Nonostante la nostra guida “Rimedi contro disturbi estivi” sia ormai giunta al termine, continuiamo a parlare delle vacanze e di uno dei disturbi più comuni, quello delle allergie.

Non tutti sanno infatti che anche in estate, e senz’alcun tipo di manifestazione precedente, si può soffrire di attacchi allergici anche piuttosto gravi, tali da richiedere l’immediato ricovero ospedaliero.

Tra i principali responsabili sono da segnalare gli imenotteri (ovverosia quell’ordine animale al quale appartengono api, vespe e calabroni e che vi abbiamo insegnato a contrastare nel nostro articolo “Punture d’insetti rimedi“), il consumo di prodotti ittici crudi e l’assunzione di frutta esotica.


A lanciare l’allarme sono diversi specialisti del settore, tra cui figura Sebastiano Gangemi, direttore della Scuola di specializzazione e della U.O.C. di Allergologia e Immunologia Clinica dell’Università di Messina o Donatella Macchia, Allergologo Immunologo clinico.

Secondo gli esperti in questione, in vacanza, bisognerebbe prestare particolare attenzione all’assunzione di frutta con il nocciolo o frutta secca esotica (a titolo d’esempio citiamo kiwi, ananas, mango, papaya ed avocado), ormai sempre più comuni anche sulle nostre tavole e non soltanto all’estero, e al consumo di prodotti ittici crudi.

Questi ultimi, infatti, oltre a provocare lievi reazioni allergiche di per se stessi, possono contenere tracce di anisakis, parassita nematode presente nei molluschi ma anche in prodotti tipici quali merluzzo, tonno e pesce azzurro, che può causare un’allergia anafilattica.

I consigli dei medici, in genere, sono quelli classici, quali quello di prestare particolare attenzione al cibo ingerito, alle manifestazioni, anche leggere, dei tipici sintomi delle allergie.

Particolarmente importante, infine, può essere l’indicazione di portare sempre con sé, in caso di una qualsiasi allergia conclamata, i necessari rimedi di pronto soccorso quali l’autoiniettore d’adrenalina e i farmaci antistaminici consigliati dal proprio medico di fiducia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>